pedrosa rossi marquez motogp

MotoGP: Márquez, Rossi tra i piloti col maggior numero di giri veloci

Chi ha realizzato il maggior numero di giri veloci nei GP? La top 6, tra leggende e piloti ancora in attività come Valentino Rossi e Marc Márquez.

19 marzo 2020 - 9:57

Fare un giro veloce in qualifica, alla ricerca di un buon posto in griglia, sicuramente ha il suo merito. Ancora di più però se stampi il miglior crono in gara, quando cioè ci sono i punti in ballo. In qualifica abbiamo autentici specialisti in questo senso, a cominciare da Marc Márquez, il dominatore, con più pole nel corso dei Gran Premi ma anche in MotoGP. Dall’altra parte ci sono piloti che in gara riescono a dare il meglio di loro stessi, come ad esempio Valentino Rossi. Ma in generale quali sono i sei piloti con il maggior numero di giri veloci nella storia del Motomondiale?

6. Dani Pedrosa

Indiscutibilmente il miglior re senza corona della storia, un abitudinario in tutte le statistiche. Il piccolo samurai ha conquistato 64 pole position nel corso della sua carriera, sempre con Honda. La prima, quando correva in 125cc, è arrivata a Motegi (2002), l’ultima invece è arrivata in MotoGP al MotorLand Aragón (2017). Circa un anno prima del suo ritiro, quando stava cercando di tenere testa a Marc Márquez.

5. Marc Márquez

L’uomo dei record del motociclismo attuale ha ancora da fare per quanto riguarda i giri veloci in gara, anche se al momento 72 a 27 anni non sono pochi. Se si tratta di qualifiche è senza dubbio il migliore, ma in gara ha ancora qualche gradino da fare. Il primo giro veloce è arrivato in Catalunya nel 2007, l’ultima al momento è quella realizzata nel corso del GP a Valencia del 2019.

4. Mike Hailwood

Non poteva mancare il pilota britannico, uno dei più grandi della storia, capace di vincere in tre categorie nel corso di uno stesso Gran Premio. Il ritiro è avvenuto a 27 anni, l’età attuale di Marc Márquez, ma è riuscito a mettere a referto la bella cifra di 79 giri veloci in gara. Il primo è arrivato nel 1958 nel TT Isola di Man in 250cc, l’ultimo è stato il giorno del suo ritiro, GP del Canada del 1967 in 500cc.

3. Ángel Nieto

Non poteva mancare un’altra leggenda delle due ruote. Nelle 90 vittorie conquistate, Nieto studiava a fondo i suoi rivali, approfittando degli ultimi giri per lanciare l’attacco e quindi stampare il giro veloce in gara. Per 81 volte è stato il migliore prima della bandiera a scacchi. La prima di queste è stata a Montjuic nella categoria 50cc (1964), l’ultima invece è stata più di 20 anni dopo, ad Assen nel 1986, la sua ultima stagione mondiale.

2. Valentino Rossi

Il Dottore è sicuramente il pilota con il maggior numero di giri veloci in MotoGP, ma se guardiamo a tutte le categorie deve ‘accontentarsi’ del secondo posto. Cosiddetto pilota da domenica, Rossi ha stampato il miglior crono in gara in 96 occasioni. La prima volta è stata a Imola in 125cc (1996), l’ultima invece è piuttosto recente: parliamo di Sepang 2019, penultima gara della scorsa stagione.

1. Giacomo Agostini

Il campione in questo senso rimane ancora Giacomo Agostini, il pilota con il maggior numero di titoli nella storia del Motomondiale. Non è da meno per quanto riguarda i Gran Premi: in 190 gare disputate ha conquistato il successo in ben 123 di esse. Un altro record che al momento appare inarrivabile è il numero di giri veloci messi a referto in gara: parliamo infatti di ben 117.

Parliamo di un dominio totale in 350cc e 500cc tra il 1968 ed il 1972, fondamentale per raggiungere questi risultati. Attualmente Marc Márquez potrebbe essere l’unico in grado di raggiungerlo. Il distacco è di 45 giri veloci dal pilota italiano, ma ricordiamo che il campione di Cervera vanta una media di 8 all’anno da quando è arrivato in MotoGP. Chissà se nei prossimi anni Márquez sarà in grado di superarlo…

L’articolo originale su motosan.es

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

brad binder ktm motogp

MotoGP, Brad Binder: “Test Misano? All’inizio mi sentivo perso”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi ritorna sulla Ferrari GT3: “Che bello risalire sulla Bestia”

syahrin moto2

Moto2, Hafizh Syahrin: “Devo lavorare sui miei punti deboli”