marquez binder lecuona motogp

MotoGP: Márquez, Binder, Lecuona, un mese alla prima sfida tra rookie

Alex Márquez, Brad Binder e Iker Lecuona: la ripartenza a Jerez sarà il primo banco di prova per i tre esordienti nella categoria MotoGP.

16 giugno 2020 - 15:48

Con il via stabilito per il 19 marzo, avremo la prima sfida in pista tra i tre piloti esordienti nella categoria MotoGP. Alex Márquez, Brad Binder e Iker Lecuona potranno finalmente iniziare la lotta per assicurarsi il titolo di miglior rookie della stagione 2020. Per Márquez jr forse con qualche pressione in più, viste le voci riguardanti Pol Espargaró già pronto a soffiargli il posto, mentre i due rivali sembrano sulla via della riconferma.

Una volta in pista però conteranno solo le capacità di adattamento e la voglia di emergere anche in questa categoria. “L’accelerazione è l’aspetto più impressionante” ha sottolineato Alex Márquez. “Lo noti soprattutto in circuiti come Valencia o Jerez, in cui ci sono più curve.” Non l’unico aspetto che ha colpito il campione Moto2 in carica. “Un’altra cosa è la frenata: qualche volta devi iniziare a frenare nei punti in cui lo facevi in Moto2. La differenza è che sei ben più rapido.”

La frenata, un aspetto, che ha impressionato anche i due colleghi esordienti. “È la cosa più difficile” ha sottolineato Brad Binder. “Devi fermare la moto nell’angolo corretto, preparando velocemente la curva successiva.” Condivide il pensiero anche Iker Lecuona. “Frenare è davvero complesso. Con questi freni devi fermarti dolcemente e poi spingere al massimo. Con molta attenzione però, perché puoi perdere il posteriore” ha precisato il nuovo alfiere del team Tech3.

Tante differenze, come ha affermato Binder. “Dopo tre anni in Moto2 avevo ben chiari i punti di riferimento, le traiettorie… Quando guidi per la prima volta una MotoGP ti sembra di girare su un nuovo circuito! Serve sempre un buon numero di giri per capire come ti devi comportare.” Per Lecuona infine “La MotoGP è stata una vera sorpresa. È un feeling difficile da definire, sono rimasto molto colpito dalla potenza.”

Foto: Dorna Sports

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, lutto in Ducati: è deceduta la moglie di Davide Tardozzi

Valentino Rossi al Ranch di Tavullia

“Valentino Rossi mi ha allucinato”: l’ex pilota ricorda una giornata al Ranch

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Chicho: “Jorge Lorenzo e Ducati stanno trattando”