MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Marquez: “Pensavo di vincere il 9° Mondiale”

Marc Marquez ripercorre alcune tappe indelebili della sua avventura MotoGP, alla vigilia dell'incoronazione del neo campione Joan Mir.

16 novembre 2020 - 10:01

Quando Marc Marquez ritornerà a calcare l’asfalto della MotoGP avrà un avversario in più: il neo campione del mondo Joan Mir. Alla vigilia della sua proclamazione, e forse non è troppo casuale, il fenomeno di Cervera ha voluto ripercorrere le tappe della sua gloriosa carriera in classe regina. Pur lontano dalla sua Honda RC-V tiene a precisare che non vuole abbassare la guardia né i limiti della sua ambizione: “Non mi piace pensare a come festeggerò un titolo. Certo ogni anno penso di vincere, infatti pensavo che questo potesse essere il nono, ma vediamo il prossimo anno, perché stiamo lavorando per recuperare e provare a combattere ancora una volta“.

I ricordi del Cabroncito

In un’intervista rilasciata durante il ‘Marca Sport Weekend’, Marc Marquez ricorda la stagione 2014, quando ha incassato il suo secondo titolo MotoGP. “Tutto è stato facile per me, non avevo pressioni, ho riconvalidato un titolo. Sinceramente è stato uno degli anni in cui la moto mi ha aiutato molto, eravamo un passo avanti rispetto ai rivali e questo mi ha permesso di vincere tante gare“. Una delle battaglie più indimenticabili è stata quella che ha avuto con Andrea Dovizioso nel 2018. “Ricordo meglio una gara che non ho vinto, in Giappone, ero secondo sotto la pioggia… Ha vinto ma la ricorderò sempre, perché pensi ‘Che gara!’ Abbiamo guidato quasi come sull’asciutto. Non siamo caduti perché qualcuno non voleva“.

La mente del sei volte campione MotoGP approda al GP di Thailandia del 2019, l’ultimo titolo mondiale. “Volevo ottenere il titolo in Thailandia perché mi piacevano il posto e i fan, l’atmosfera e il circuito. Non sono partito nel migliore dei modi, con ospedale, TAC, vertebre – ricorda Marc Marquez -. Non c’era niente di rotto. Ma poi sabato c’è stata un’altra caduta e alla fine ho vinto all’ultima curva, cosa che ha dato la spinta al titolo“.

Foto: Getty Images

1 commento

fzanellat_12215005
11:21, 16 novembre 2020

“Una delle battaglie più indimenticabili è stata quella che ha avuto con Andrea Dovizioso nel 2018”.
Correggo l’articolo, Marc, si riferiva probabilmente alla
gran gara di Motegi 2017.
Il duello epico sotto la pioggia con un Dovi straordinario
a sorpassare nella parte finale del tracciato.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”

MotoGP, Luca Marini-Pecco Bagnaia-Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e “new generation”: obiettivo Mondiale tricolore

binder espargaro ktm motogp

MotoGP, Mike Leitner (KTM): “I risultati del 2020 parlano da soli”