MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Marquez: l’ipotesi medica che preoccupa la Honda

Marc Marquez resterà fuori dalla MotoGP per quasi tutto il campionato. Secondo l'esperto Ruben Garcia Ruiz il recupero totale sarà molto lungo.

6 settembre 2020 - 9:40

L’infortunio di Marc Marquez ha condizionato la stagione MotoGP 2020 quasi quanto l’emergenza Coronavirus. Dopo l’infortunio in gara-1 a Jerez ha voluto riprovarci pochi giorni dopo lasciando attonito il paddock e il mondo dello sport, ma ha dovuto fare i conti con i limiti dell’umanamente possibile. Il secondo intervento, seguito da un piccolo incidente domestico, ha complicato la condizione clinica del campione, costringendolo a cambiare atteggiamento.

Nessuna intenzione di trovare un colpevole per quanto accaduto, ma il suo manager Emilio Alzamora ha chiarito che da questo momento in poi il pilota Honda sentirà anche altre opinioni mediche. L’errore di Marc Marquez e del suo staff è stato quello di fidarsi ciecamente del dott. Xavier Mir. I colleghi di MotoRaceNation hanno provato ad approfondire l’argomento con Rubén García Ruiz, fisioterapista ed osteopata esperto nella valutazione dei danni fisici. Secondo l’esperto la mobilizzazione della placca “ha provocato una pseudoartrosi nell’omero, cioè uno spazio cavo fisico che non consente il corretto consolidamento osseo“.

L’ipotesi dell’esperto

Si tratta pur sempre di una ipotesi esterna, ma l’osteopata porta prove per consolidare la sua tesi. Come il fatto che “tutte le foto del primo intervento siano scomparse dai profili social di Marquez“. In una di queste possiamo vedere il pluricampione di MotoGP con un gesso che copre il braccio fino alla mano, compreso il primo dito della mano destra. “Se la nuova operazione fosse stata normale, questo gesso non dovrebbe raggiungere il dito indice della mano destra. È possibile che ci fosse una seconda procedura con un chiodo lungo l’asse dell’omero che doveva essere inserito dal gomito. Il gomito deve essere completamente immobilizzato. Ma ho un’altra ipotesi più rischiosa: il secondo intervento non è andato come desiderato“, con il rischio che l’omero si sia scheggiato, cosa comune in questo tipo di intervento.

Per Marc Marquez c’è il rischio di rivederlo in pista solo per le ultime gare di questa stagione MotoGP. Secondo Rubén “Marquez farà fatica a recuperare quel gomito e anche se gli danno una possibilità per provare il prototipo 2021 prima della fine della stagione, cosa che è possibile, secondo me non avrà ottenuto un completo consolidamento. E se c’è un’articolazione importante per un motociclista quella è il gomito, poiché da lì passa tutta la forza necessaria per portare con successo la moto”.

2 commenti

quattordici800_14945882
12:40, 6 settembre 2020

Scusate,ha ricevuto il si dai medici x correre dopo 3 giorni dal primo intervento e adesso ci vogliono diversi mesi x la guarigione completa??!!ma la verità qual qual’è?

    Anonimus
    14:36, 6 settembre 2020

    La verità è che nessuno ha usato il buon senso…. ma proprio nessuno!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi pronto a firmare: “Mi spiace per Alex e Brent”

Crutchlow MotoGP

MotoGP, Cal Crutchlow idoneo: “Fino a ieri impossibile pensare di correre”

motogp catalunya

MotoGP, Andrea Dovizioso: “La stagione in un certo senso inizia adesso”