MotoGP, Marc Marquez e Andrea Dovizioso

MotoGP, Marc Marquez: ipotesi stop già dal Mugello

Nel week-end MotoGP al Mugello Marc Marquez soffre più del previsto per i problemi alla spalla destra. Alberto Puig: "Potrebbe fermarsi".

29 maggio 2021 - 10:07

Giovedì Marc Marquez ha ammesso che dopo la gara MotoGP di Jerez gli è passato per la testa di prendersi un altro stop. Le condizioni della spalla destra gli impediscono di guidare la Honda RC213V con il suo stile di guida in modalità “attack”. La cura antibiotica procede, la placca resta ben fissata, ma il dolore in certe situazioni non dà tregua. Ha gareggiato al Gran Premio di Francia, è stato anche in testa, ma poi è caduto due volte in condizioni difficili.

Al Mugello Marquez sta attraversando un momento più difficile rispetto a Le Mans, anche per le caratteristiche della pista. Il manager del team Honda Alberto Puig non ha escluso che il fuoriclasse di Cervera possa rinunciare anticipatamente alla gara domenicale. “Seguiamo le sensazioni del pilota e i consigli dei medici. Sappiamo che sta soffrendo, ma sappiamo anche che la frattura sta guarendo“, ha detto a ‘DAZN Spagna’ e ha continuato: “Ma se la situazione suggerisce che è meglio fermarsi, allora si fermerà. Questo è chiaro“.

Marc Marquez ha confermato le dichiarazioni del manager catalano. “Ieri ho trattenuto le mie parole. Alberto lo ha detto ora ed è realtà“. Nel box Honda le priorità sono cambiate. “Sappiamo che cinque punti, se siamo ottimisti dieci punti, o un punto alla fine non cambieranno il nostro risultato di fine anno“. Per il Cabroncito l’obiettino è uno solo: vincere il titolo MotoGP, altrimenti è un anno di transizione, per non definirlo fallimentare. “Per noi di HRC, non importa se arriviamo quinti, sesto o decimo. Se non vinciamo, è un brutto anno“. Parole che fanno da casa di risonanza nel paddock del Mugello, ma bisogna resettare gli obiettivi. “Quello che ho imparato negli ultimi mesi è avere pazienza. Sì, la spalla è più stabile ora, ma la sensazione cambia a seconda di quanto è pesante il carico. Oggi è diventato chiaro che sono severamente limitato su questa pista“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

FRA 1988
12:07, 29 maggio 2021

A Le Mans uno che non sta bene non rischia di vincere
ma chiude negli ultimi.
Ok non è al top ma questo pessimismo cosmico quando si parla di Marquez è ai limiti della “gufata”.
8 titoli mondiali li ha vinti lui o pseudo tifosi da bar?
Che cosa dovrebbero dire piloti che escono indenni dal TT con fratture multiple in tutto il corpo e competono lo stesso? Marquez non è un pazzo da
sacrificare il suo corpo altrimenti 8 titoli non li vinceva.

makiland
11:47, 29 maggio 2021

Non voglio scavare nelle piaghe altrui, anche se per me sono rivali … L’ ho detto e ridetto decine di volte in questi mesi che MM avrebbe fatto meglio a prendersi tempo e non a “giocare” sulla sua stessa salute rischiando la carriera … Si fermerà perchè se non lo farà rischia l’ invalidità permanente e un triste addio alle corse …
Parla uno che, nel suo piccolo, di incidenti di media gravità ed in vari sport ne ha avuti parecchi …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi e i ragazzi della VR46 Academy

Valentino Rossi semina in MotoGP: VR46 marchio indelebile

moto3 sachsenring

Moto3, al Sachsenring un solo successo italiano con Dalla Porta

motogp morbidelli

MotoGP, Morbidelli: “Vorrei la positività di Valentino Rossi nei momenti difficili”