MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Marquez-Honda: i motivi del contratto quadriennale

Marc Márquez e Honda hanno firmato un inedito contratto di 4 anni. Alberto Puig svela i motivi che hanno portato a questa storica decisione.

22 febbraio 2020 - 15:15

Nel paddock della MotoGP il rinnovo quadriennale di Marc Márquez con Honda sta facendo ancora parlare. Il prolungamento di contratto era scontato, non lo era la durata di quattro anni, una decisione inedita per un pilota del Motomondiale. Il Cabroncito resterà in sella alla RC213V fino all’età di 31 anni, per provare a collezionare una lunga scia di titoli mondiali. Del resto il campione di Cervera è stato chiaro: “Voglio vincere, non importa come“. Alberto Puig incassa un bel colpo dopo la beffa Jorge Lorenzo, passato in Yamaha subito dopo l’addio alle corse annunciato a Valencia. Un eccesso di fiducia mal ripagato, che mostra però una certa signorilità nel trattare i suoi piloti.

Il team manager Honda non ha mai nascosto il suo debole per Marc Márquez, non ha mai esitato a “indebolire” l’altra parte del box pur di accontentare il pluricampione. D’altronde nessuno potrebbe assicurare sei titoli MotoGP in sette anni. “Marc è in Honda da sette anni. È passato molto tempo, ha vinto sei titoli. Quando pensiamo al futuro, non c’è modo migliore di pensare allo sviluppo della nostra moto se non con il pilota più forte in pista. Questo è il concetto di base con cui volevamo stipulare questo contratto, garantire lo sviluppo e allo stesso tempo darci più vittorie e titoli. Per questo motivo siamo qui: correre e cercare di vincere“.

Il rinnovo quadriennale dimostra la buona atmosfera all’interno del box Repsol Honda, la reciproca fiducia tra Marc Márquez e la fabbrica giapponese. L’arrivo di suo fratello Alex è solo l’ultima dimostrazione, per quanto meritata l’ascesa in MotoGP del campione Moto2. “Entrambi le parti vogliono stare insieme – ha aggiunto Puig – e credere l’una nell’altra. Honda ha molta fiducia in Marc e i nostri obiettivi sono gli stessi: migliorare e cercare di vincere. Marc crede nella tecnologia HRC e Honda, non c’era molto a cui pensare. L’abbiamo fatto e ora ci concentriamo su ciò che dobbiamo fare“.

1 commento

Max75BA
17:49, 22 febbraio 2020

Vuole scalvalcare Vale e poi agganciare Ago, ha compiuto la scelta più logica con il rinnovo in HRC…spiace per la carognata del 2015 che possa agganciare Vale nei titoli mentre è ancora in attività…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Loris Capirossi

MotoGP, Capirossi: “Per Valentino Rossi cambieremo il regolamento”

MotoGP, Marc Marquez e suo fratello Alex

MotoGP, Alex Marquez: “Marc ed io in pista non saremo fratelli”

MotoGP, Wilco Zeelenberg

Da Petronas: “Valentino Rossi e Jorge Lorenzo insieme? Tutto è possibile”