marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, cosa ci si può aspettare al Mugello?

Marc Márquez alla prova del Mugello, circuito impegnativo a livello fisico. "Conosco i miei limiti." Ma come sempre non si possono escludere sorprese.

25 maggio 2021 - 20:00

Un anno senza corse si sente, anche se ti chiami Marc Márquez. Il pluricampione MotoGP in ogni caso si è fatto rivedere nelle zone alte a Le Mans, seppur in condizioni piuttosto complesse. “Sul bagnato vado meglio, sull’asciutto è più complicato” aveva infatti sentenziato il pilota catalano, quasi ad invocare l’aiuto della pioggia. Che in effetti era arrivata a pochi giri dal via del GP, ma una volta passato in testa il doppio errore che lo pone fuori dai giochi. L’alfiere Repsol Honda non ha nascosto la delusione per l’occasione mancata, oltre ad ammettere una volta di più i suoi limiti fisici in vista di un tracciato non proprio semplice come quello del Mugello.

Cosa ci si può aspettare da lui nell’evento in terra toscana? Lo stesso Marc Márquez non è particolarmente ottimista per quanto riguarda il suo potenziale sull’asciutto, come non lo era in effetti nei GP precedenti. Il processo di recupero continua, ma il campione di Cervera ricorda sempre che lo stato di forma pre-infortunio è ancora lontano. Riguardando i suoi precedenti sulla mitica pista di Scarperia, troviamo una vittoria in 125cc, una in Moto2 ed una terza in MotoGP, a cui aggiungere altri due podi sempre in classe regina. Ricordiamo poi nell’ultimo GP di due anni fa la splendida battaglia con le rosse di Petrucci (poi vincitore) e di Dovizioso.

“In Francia sul bagnato abbiamo mostrato il nostro potenziale” ha sottolineato Marc Márquez, come detto deluso però per il finale inglorioso. Ma si volta pagina. “Al Mugello dobbiamo lavorare bene fin da venerdì mattina, per essere costanti e trovare un buon ritmo.” Come detto, ricorda poi che “Comprendo i miei limiti fisici e so che non sarà semplice essere vicini ai primi sull’asciutto. Avremo due GP consecutivi [la prossima settimana si corre in Catalunya, ndr]. È la prima volta per me quest’anno e certo sarà molto faticoso fisicamente, ma riusciremo a gestirlo.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi e i ragazzi della VR46 Academy

Valentino Rossi semina in MotoGP: VR46 marchio indelebile

moto3 sachsenring

Moto3, al Sachsenring un solo successo italiano con Dalla Porta

motogp morbidelli

MotoGP, Morbidelli: “Vorrei la positività di Valentino Rossi nei momenti difficili”