MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Marquez… ci vuole un fisico bestiale

Marc Marquez otto volte campione del mondo. Tutti i numeri del fenomeno di Cervera: peso, altezza, allenamenti, alimentazione, record, il numero 93.

7 ottobre 2019 - 22:22

Marc Marquez è un concentrato di talento, fisicità e abilità. Otto titoli mondiali, abile nell’evitare le cadute con salvataggi al limite della fisica e quando cade non riporta quasi mai conseguenze. Due soli interventi chirurgici in ambito professionale: il primo nel 2015, per una frattura al quinto metacarpo della mano sinistra dopo essere caduto dalla bici, mentre si allenava col fratello Alex. Il secondo lo scorso dicembre alla spalla sinistra per un problema trascinato da anni. Riabilitazioni in tempi ultrarapidi che non hanno inficiato le sue prestazioni al ritorno in pista. Ecco alcuni segreti del campione del mondo di MotoGP 2019.

Il fisico di Marc Marquez: peso per altezza

Marc Marquez pesa 59 kg per 171 cm di altezza, si allena con un personal trainer sin dall’età di 11 anni. “Quando ti ritrovi nella ghiaia, questo può aiutarti a evitare cadute – ha ammesso tempo fa -. O se non riesci a stare in piedi, a evitare almeno infortuni seri quando rotoli giù dalla moto“. L’incidente rimediato nella FP1 in Thailandia dimostra di essere un gatto dalle sette vite. Si allena in palestra per irrobustire tronco e addominali, ma senza esagerare. In moto serve un fisico leggero, motivo per cui abbina tanto allenamento in bici, come spesso mostra sui social, in compagnia di suo fratello Alex.

E poi il motocross: il fenomeno di Cervera beneficia di una pista a Lleida, vicino Barcellona, dove si allena a gestire la moto in differenti condizioni di grip. Infine il dirt track, disciplina che lo rende invincibile su quei tracciati con prevalenza di curve a sinistra e in senso antiorario (Austin, Sachsenring, Aragon).

Cosa mangia Marc Marquez

L’alimentazione è complementare all’attività fisica e permette di essere al top quando è il momento di affrontare sessioni di allenamento, prove o gare. I carboidrati sono un ottimo carburante per affrontare le settimane di allenamento più difficili. A cena predilige alimenti ricchi di proteine ​​combinati con frutta e verdura. “È inoltre necessario – fanno sapere dal box Repsol Honda – che i nostri piloti rimangano idratati con acqua o bevande isotoniche prima di ogni GP“. Marc Marquez mangia solitamente in hospitality: pollo e riso le pietanze più comuni, “e prima di salire in moto faccio riscaldamento, ma soprattutto esercizi di allungamento muscolare“. E dopo una gara? “Ordino una pizza perché mi piace ed è qualcosa che penso di meritare, magari anche con un gelato al cioccolato“.

Numero 93 e il Cabroncito

Marc Marquez e il 93 sono una cosa sola. Molti si chiedono perché abbia scelto questo numero, ma la risposta è più facile del previsto: è l’anno di nascita, Un dato anagrafico che ha portato tanta fortuna in carriera. Tanto da non aver mai pensato di cambiarlo con il numero 1. O almeno una volta sola, ma nel tentativo di beffare i suoi tanti fan. Spesso viene appellato con il nomignolo di Cabroncito (“piccolo bastardo”), ma non tutti sanno che questo soprannome gli è stato affibbiato da Guido Meda. Correva in 125 e aveva l’abitudine di fregare gli avversari all’ultimo giro.

I record del campione

Marc Marquez sta inanellando una leggendaria serie di vittorie e titoli mondiali, in molti scommettono che arriverà a quota 15 come Giacomo Agostini. Ma anche record che resteranno a lungo nella storia del Motomondiale. Il pilota più giovane ad aver vinto un GP in classe regina (20 anni e 63 giorni). Il più giovane pilota a vincere un campionato di MotoGP (20 anni e 266 giorni).  Diventa anche il più “veloce” a raggiungere quota 8 titoli iridati in tutte le classi, rubando il primato a Mike Hailwood (che ci riuscì a 27 anni e 112 giorni). Con le 8 pole position incassate quest’anno arriva a quota 88, un record assoluto destinato a salire ulteriormente da qui al termine della sua carriera.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

crutchlow motogp catalunya

MotoGP: Cal Crutchlow, rientro positivo. “Ma il braccio è di nuovo gonfio”

MotoGP, Pecco Bagnaia in Catalunya

MotoGP, Zarco preoccupa Bagnaia: “Se vince va nel team ufficiale”

motogp catalunya sky sport

MotoGP: Orari del 26/09 a Barcellona, diretta Sky Sport/DAZN e differita TV8