marc marquez 93 motogp

MotoGP: Marc Márquez, che fatica per tornare il pilota pre-lesione

Marc Márquez sempre alle prese con il lungo recupero fisico. Tornerà 'quello di prima'? "Ce la metterò tutta, ma non posso prometterlo."

13 agosto 2021 - 19:27

Nono tempo combinato dopo il venerdì di libere del GP MotoGP d’Austria. Una volta di più mostrando un miglior stato di forma nella sessione svolta su pista bagnata. Marc Márquez continua il lungo processo per tornare ad essere “quello di prima”, oltre a provare ancora qualche novità portata da HRC. Una volta di più predica tanta pazienza, conscio della sua condizione attuale, assicurando di essere intenzionato a fare tutto il possibile per ritrovare lo stato di forma ottimale pre-infortunio. Ma anche di non poterlo promettere…

“È una delle piste sulle quali faccio più fatica, probabilmente per le frenate violente” ha ammesso il pluricampione di Cervera. “La spalla destra qui è molto sollecitata, l’ho visto la scorsa settimana e stavolta è stato uguale. Non guido bene la moto, a volte le cose vanno anche peggio, ma non ho spinto e ho pensato solo a provare alcune cose.” A livello di chassis però è ripartito dallo stesso utilizzato nella gara di domenica scorsa. Aggiungendo anche che “Il tempo di oggi pomeriggio mi ha aiutato a sopravvivere.”

Ma tornerà mai il Márquez di prima? “L’intenzione è quella, ce la metterò tutta, ma certo non posso prometterlo.” Predicando appunto pazienza. “Per prima cosa c’è un osso che deve sistemarsi al 100%, poi devo continuare a progredire e capire dove posso arrivare. L’ho già detto a Portimao che l’idea è tornare “quello di prima”. Questo però non significa vincere come prima, ma soprattutto guidare come mi viene naturale. Poi vedremo se riuscirò a battere i rivali, che diventano sempre più forti: lo dirà solo il tempo.”

Pazienza, una parola che ormai è diventata quasi un mantra per lui. “È una virtù che prima non avevo, che anzi odiavo” ha ammesso Marc Márquez. “Ma col tempo e con l’esperienza portano sulla giusta strada. Da dire anche che ora sono molto più realista sul mio stato attuale.” Per finire, non manca anche un commento su una manovra che ha ‘sorpreso’ Mir, come lo stesso campione in carica ha dichiarato a libere concluse. “Non so cosa dire, ero di due secondi più veloce e l’ho passato normalmente” è la sua risposta.

Per i tuoi massaggi Thai

Foto: motogp.com

1 commento

FRA 1988
19:59, 13 agosto 2021

I rivali hanno approfittato dei guai fisici di Marc per crescere. Quartararo,Mir e Martin possono realmente essere i piloti del presente/futuro per la fame di vittorie che hanno. Marc anche se non dovesse tornare al 100% ha un palmares da far invidia. Dominare come prima sarà quasi impossibile,ma giocarsi ancora dei campionati perchè no..Non ci sono tutti questi fenomeni in top class da non poterlo fare ,ma deve stare realmente bene fisicamente.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

stefano nepa moto3

Moto3 UFFICIALE C’è Stefano Nepa per il Team MTA nel 2022

Ducati, Superbike

Ducati, è un sabato da impazzire: doppietta MotoGP e tripletta Superbike

jordi torres motoe

MotoE Misano: Torres vince un pazza Gara1, out Zaccone e Granado