Marc Marquez a Sepang

MotoGP, Marc Marquez a Sepang in versione 2020

Marc Marquez prova alcune novità sul freno in ottica 2020. A Sepang obiettivo vittoria, per agguantare il 'triplete' e un record di Valentino Rossi.

1 novembre 2019 - 14:58

Marc Marquez può permettersi di sperimentare nuovi stili di guida in ottica 2020. Oggi a Sepang ha debuttato con una Honda dotata di una nuova levetta sul manubrio sinistro per frenare la ruota posteriore. L’obiettivo è ottenere una maggiore altezza da terra nelle curve a destra, dove riscontra ancora margini di miglioramento. “Non è la prima volta che l’ho provata – ha ammesso il campione di MotoGP -, era capitato nel 2014, nel 2016 in test privato. Sono già riuscito ad avere la stessa sensazione che ho con il freno standard“. Per il momento non ha riscontrato grandi miglioramenti nonostante HRC abbia evoluto questa componente negli ultimi anni.

Da qui al prossimo Mondiale c’è tutto il tempo per continuare a lavorarci, domani però verrà messa da parte per provare a conquistare il miglior risultato possibile qui a Sepang. Quando usare questo nuovo freno? “Logicamente quando vai alla massima inclinazione – ha spiegato Marc Marquez -. A sinistra posso usarlo bene, ma a destra non funzioa . È impossibile giocare con il piede.  Proveremo a migliorare qualcosa, ma se sviluppiamo il freno motore e la moto gira meglio, non è necessario utilizzare questo freno“.

YAMAHA SOTTO I RAGGI X DI MARQUEZ

Per il prototipo del prossimo anno il Cabroncito richiede una maggiore trazione in uscita di curva. “Quando ci manca aderenza abbiamo problemi. Yamaha è migliore in questo settore. Hanno la moto migliore quando bisogna fare un giro veloce con pneumatici nuovi. Inoltre, nell’ultima parte della zona di frenata, carichiamo troppo la gomma anteriore. Per questo devo fare molti salvataggi. Dovremo usare meno peso sulla gomma anteriore in futuro – ha concluso Marc Marquez .

Nel venerdì di Sepang il pilota Honda non ha montato gomme nuove per verificare il ritmo gara. Ha montato una media all’anteriore e una soft al posteriore, completando 18 giri tra FP1 e FP2. L’obiettivo è ancora una volta provare a vincere. Non solo per tentare di agguantare la Tripla Corona, ma anche per eguagliare un record di Valentino Rossi segnato nel 2001: vincere tutte e tre le gare del trittico orientale (Giappone, Australia e Malesia).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

aegerter intact gp motoe

Dalla Moto2 alla MotoE, nuova sfida per Aegerter con Intact GP

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Con Munoz per cambiare metodo di lavoro”

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo perde colpi in pista, ma non su Google