MotoGP, Marc Marquez

MotoGP: Marc Márquez, 28 anni e l’augurio di “tornare a vivere quella passione”

Marc Marquez, i 28 anni di un pilota che ha lasciato un segno nell'ultimo decennio. E che tutti si augurano di rivedere presto in pista.

17 febbraio 2021 - 16:44

Marc Márquez compie oggi 28 anni. Un campione che i tifosi amano o odiano, ma a quanto pare è qualcosa che può succedere ai grandi della storia delle corse. Quello che le due ‘fazioni’ non possono negare però è che il pilota di Cervera abbia scritto un capitolo di storia particolarmente importante nel Motomondiale. Un pilotino che da piccolo quasi spariva in sella ad una moto, tanto era minuto, ma capace di diventare uno dei veri grandi di questo sport. Un ragazzo che purtroppo sta anche affrontando un infortunio davvero più problematico del previsto, lasciando ancora tanti dubbi sulla data del suo effettivo ritorno alle corse.

Intanto ricordiamo alcuni numeri. A 28 anni ha messo a referto 8 mondiali, 6 di questi in classe regina e due nelle categorie minori. È diventato il più giovane iridato in MotoGP, nonché il primo a vincere all’esordio da Kenny Roberts (1978). Detiene tutt’ora il record di vittorie e di pole position in una sola stagione, ben 13 (nel caso dei successi, battendo Doohan a quota 12 nel 1997). È ad una sola corona iridata dalle nove di Ubbiali, Hailwood e Rossi, terzi di sempre ex aequo. Marc Márquez è il 4° di sempre come GP vinti, il 6° per numero di podi totali ed il 5° per giri veloci in gara. Svetta nel numero di pole position, il migliore di sempre con 90 (Lorenzo 2° è a quota 69).

Chissà di quanto avrebbe incrementato i suoi record nel 2020… Ma coi ‘se’ la storia non si scrive, visto che la realtà ci dice che Márquez è fermo dal marzo scorso, da quell’infausto incidente avvenuto a Jerez. Un infortunio inaspettato, un ritorno troppo rapido, conseguenze ancora più inattese, con Honda che ha dovuto rinunciare al suo uomo di punta. Quando tornerà? E quale sarà il suo livello? C’è chi è pronto a scommettere che il campione di Cervera sarà subito pronto a lottare con i primi. C’è chi dice che ci vorrà parecchio per rivederlo al vertice. Quel che è certo è che il paddock del Motomondiale si augura di rivedere il più presto possibile il pilota che ha lasciato un bel segno nell’ultimo decennio.

Ricordiamo le recenti parole di Fabio Quartararo sul catalano. “Quando hai Marc davanti o subito dietro in pista, inconsciamente pensi ‘Diamine, è un ragazzo che ha dominato negli ultimi anni, spero di lottare con lui’. Averlo vicino mi ha portato a spingere per superare i miei limiti.” Anche il campione in carica Joan Mir certo spera nel pronto ritorno del connazionale. Che già in passato ha rischiato di giocarsi la carriera. Non dimentichiamo i problemi alla vista a fine 2011, poi fortunatamente risolti ed ai quali sono seguiti stagioni memorabili… Nell’attesa, riprendiamo le parole del fratellino e due volte iridato Alex: “Che tu possa tornare a vivere la tua grande passione.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alex rins motogp

MotoGP, Alex Rins e la caduta in Catalunya: “Stavo guardando il telefono…”

petrucci motogp

MotoGP: Danilo Petrucci, telaio nuovo e standard sulle sue due KTM

motogp sachsenring

MotoGP, piloti certi: “Occhio anche a Marc Márquez per il podio”