MotoGP, Luca Marini con la Ducati GP19

MotoGP, Luca Marini attende una Ducati factory: il gap tra GP19 e GP21

Luca Marini sottolinea le differenze principali tra Ducati GP19 e GP21. Nella stagione MotoGP 2022 potrebbe avere una moto factory nel team VR46.

11 giugno 2021 - 14:18

Ai rookie Luca Marini ed Enea Bastianini Ducati ha assegnato una Desmosedici GP19. Martin, Zarco, Miller e Bagnaia hanno in dotazione una moto factory GP21, che sicuramente rappresenta un deciso step avanti. Sia in termini di potenza che agilità. A detta dei vertici Ducati il prototipo ufficiale aiuterebbe solo a limare gli ultimi decimi. Per un debuttante una MotoGP dell’anno prima è sicuramente un ottimo punto di partenza. Enea ha ottenuto un 9° posto a Portimao come miglior risultato stagionale (13° in classifica), il fratello di Valentino Rossi 12° per tre volte (21° in classifica).

Dalla prossima stagione ‘Maro’ potrebbe avere a disposizione una GP22 con il team Aramco VR46, a breve l’annuncio ufficiale con Ducati. Per il momento deve fare  conti con un prototipo di “vecchia data” rispetto ai colleghi Pramac e del team factory, oltre che degli avversari (sulla stessa lunghezza d’onda Franco Morbidelli con la sua YZR-M1). Il gap tra GP19 e GP21 è sicuramente notevole. “Sulla base dei dati l’accelerazione e l’uscita di curva sono impressionanti quando si attiva il sistema di altezza di marcia. Sono molto veloci lì“.

In un campionato MotoGP contrassegnato dal congelamento dei motori, i tecnici di Borgo Panigale hanno potuto aumentare la velocità massima sfruttando aerodinamica e holeshot. “Questo vale anche per la velocità alla fine del rettilineo. In sesta marcia la moto continua ad accelerare con la stessa coppia, mentre la mia moto perde un po’. Ma anche la mia moto è fantastica“, ha precisato Luca Marini. Il prototipo MotoGP 2021 ha però guadagnato anche in percorrenza di curva, come conferma il successo di Jerez. Su questo hanno contribuito soprattutto le innovazioni in termini di telaio e sospensioni. “Se li seguo in pista, noto che hanno notevolmente migliorato l’equilibrio a metà curva. Sterza meglio quando acceleri. Finora ho avuto problemi con la sterzata… E’ una moto completamente diversa“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

1 commento

FRA 1988
15:16, 11 giugno 2021

Marini con una moto ufficiale? Bastianini lo sta surclassando e se non fosse per l’errore madornale
del Mugello, sarebbe ancora più avanti di Marini.
Il talento è inferiore anche a Jorge Martin.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi e i ragazzi della VR46 Academy

Valentino Rossi semina in MotoGP: VR46 marchio indelebile

moto3 sachsenring

Moto3, al Sachsenring un solo successo italiano con Dalla Porta

motogp morbidelli

MotoGP, Morbidelli: “Vorrei la positività di Valentino Rossi nei momenti difficili”