lorenzo savadori motogp

MotoGP, Lorenzo Savadori: “Sotto la pioggia la Aprilia va molto bene”

Lorenzo Savadori 22° in classifica combinata, ma svetta nelle FP2 su pista umida. "Essere primo in un turno è sempre bello. Ma dobbiamo essere pronti a tutto."

6 agosto 2021 - 18:54

In testa alla classifica dei tempi per la prima volta dal suo esordio in MotoGP. Lorenzo Savadori e la sua Aprilia sembrano trovarsi bene in condizioni di pista bagnata, come visto appunto delle FP2 al Red Bull Ring. Un piazzamento che ha fatto spuntare più di qualche sorriso nel box della casa di Noale. Il rookie italiano è penultimo in classifica combinata, ma sicuro di poter migliorare sensibilmente anche in condizioni di asciutto dopo la ‘presa di contatto’ con la RS-GP nelle FP1.

“La prima sessione è stata tutta una novità. Avevo già girato qui, ma era il 2018 e ci sono venuto con la MotoE, che è totalmente differente.” Tutta un’altra storia quindi per Savadori, alla scoperta di questo tracciato in sella ad una MotoGP. “Sotto la pioggia questa moto funziona molto bene, abbiamo un buon ritmo” ha sottolineato a motogp.com. “Ora però dobbiamo concentrarci sulla giornata di domani, che sarà asciutta, e cercare di migliorare alcuni aspetti, compreso il mio stile.”

Si avvia verso i turni del sabato con ottimismo. “Possiamo fare dei bei passi avanti. Alla fine delle FP1 non sono riuscito ad usare la gomma nuova.” Certamente pensando ad un turno alla volta e ad un meteo ballerino. E perché no, anche ad una sorta di danza della pioggia… Ma in questa prima giornata in Austria è arrivata comunque una soddisfazione. “Essere primo in una sessione, anche se con pista umida, è sempre bello. Dovremo però lavorare sessione per sessione, essere pronti a tutto.”

Per i tuoi massaggi Thai

Foto: Aprilia Racing

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi a Misano

MotoGP, Valentino Rossi: “Gomme Michelin? Serve più coerenza”

enea bastianini motogp

MotoGP, Enea Bastianini: “Michele Pirro riferimento nelle prime libere”

motogp misano 2021

MotoGP Misano: dal ritorno di Morbidelli al “vero momento” di Márquez