MotoGP Le Mans Prove Libere 1: subito Valentino Rossi

Seguono Stoner e Lorenzo, quarto Dovizioso

21 maggio 2010 - 11:12

Tutt’altra vita per Valentino Rossi a Le Mans rispetto a Jerez. Se il buongiorno si vede dal primo turno di prove libere, il 9 volte iridato ha di che esser ottimista per il prosieguo del week-end sul circuito della Sarthè, sede del Gran Premio di Francia e del nuovo confronto per la leadership di campionato. Rossi ha ottenuto subito la miglior prestazione in 1’34″402 con pneumatici di mescola dura, con già diversi giri sulle spalle, esattamente all’ultimo giro percorso nella sessione. Elementi, confermati da un buon passo gara, che lasciano presupporre Valentino tra i potenziali favoriti per la vittoria del Gran Premio, ma attenzione: tutti sono molto vicini.

Almeno il terzetto di testa, con Casey Stoner leader nella seconda metà di sessione, battuto solo nel finale dal #46. L’australiano paga 106/1000 dalla vetta con un continuo lavoro di messa a punto della propria Ducati che, tra l’altro, segue le direttive del proprio main sponsor e come in F1 con la Ferrari scompare il codice a barre sulle carenature delle due Desmosedici GP10 ufficiali.

Novità cromatiche a parte, non ci sono sostanziali cambiamenti tra i primi, dove Jorge Lorenzo è terzo pagando 140/1000 dal compagno di squadra e con una M1 già ben messa in un circuito, storicamente, “feudo Yamaha”. La controprova arriva dal 6° e 8° tempo rispettivamente dei piloti Tech 3 Colin Edwards e Ben Spies, che Le Mans l’aveva vista soltanto in TV, anche se i distacchi cominciano a prender consistenza superiori al 1″.

Vanno un pò meglio le Honda Factory HRC, con Andrea Dovizioso (dotato del nuovo telaio provato a Jerez il lunedì post-GP) che ha scavalcato Dani Pedrosa proprio nel finale, riaprendo una sorta di duello interno dopo la gara a senso unico (a favore del catalano giunto al suo 150° GP) di Jerez. In Honda sensibili miglioramenti per Marco Melandri, che aggancia la top ten con la prima delle due RCV Gresini, davanti al compagno di squadra Marco Simoncelli.

Tra i due Loris Capirossi con una Suzuki attardata e battuta anche dalla Ducati Pramac di Aleix Espargaro, eccellente 9° assoluto, con Alvaro Bautista 17° e dolorante alla clavicola destra tanto da percorrere solo 19 giri con un passo superiore di 3″ rispetto alla vetta. Sarà un Gran Premio a dir poco difficile per l’ex iridato della classe 125cc, e probabilmente per la Suzuki in generale che vinse qui la prima e unica corsa dell’era MotoGP nel 2007 con Chris Vermeulen.

MotoGP World Championship 2010
Le Mans, Classifica Prove Libere 1

01- Valentino Rossi – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – 1’34.402
02- Casey Stoner – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 0.106
03- Jorge Lorenzo – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – + 0.140
04- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.223
05- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.587
06- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.687
07- Nicky Hayden – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 0.821
08- Ben Spies – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.889
09- Aleix Espargaro – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.048
10- Marco Melandri – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 1.241
11- Loris Capirossi – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 1.283
12- Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 1.557
13- Hector Barbera – Paginas Amarillas Aspar – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.607
14- Randy De Puniet – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 1.684
15- Mika Kallio – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.890
16- Hiroshi Aoyama – Interwetten Honda MotoGP – Honda RC212V – + 2.396
17- Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 3.123

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

smith aprilia motogp

MotoGP, Bradley Smith: “Alla Aprilia RS-GP 2020 manca tempo in pista”

Nagashima Moto2

Moto2: Nagashima all’attacco a Brno per difendersi dagli italiani

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso senza alibi: “A Brno grandi aspettative”