MotoGP, circuito di Phillip Island

MotoGP, l’Australia chiude i confini: bye bye Phillip Island?

L'Australia potrebbe chiudere i confini per tutto il 2021. Round MotoGP a rischio sul circuito di Phillip Island e non solo per l'emergenza Covid-19.

18 gennaio 2021 - 15:27

Il calendario della MotoGP 2021 è ancora in fase di costruzione. Austin e Rio Hondo sono destinate a saltare anche quest’anno, dal momento che senza pubblico Dorna non potrà coprire l’intera spesa. Medesimo destino sembra riservato al GP d’Australia previsto ad ottobre. L’emergenza Coronavirus spinge il governo australiano a chiudere i confini al turismo per tutto il 2021. A preannunciare questa drastica misura è il ministro della Salute australiano Brendan Murphy, ribadendo restrizioni ai confini e l’obbligo della quarantena negli hotel per tutto l’anno. “Penso che per la maggior parte di quest’anno avremo ancora sostanziali restrizioni al confine“.

La terza ondata Covid-19

Nelle ultime ore l’Australia è balzata alle cronache per gli Open di Tennis che dovrebbero cominciare il 7 febbraio. Ben 72 tennisti sono reclusi nelle stanze di albergo a Melbourne, senza possibilità di allenarsi. Sono atterrati con aerei dove è stato riscontrato un caso di positività al Covid-19. Anche le Olimpiadi in Giappone a luglio sono tornate fortemente in dubbio. In questo scenario è impensabile poter disputare un week-end di MotoGP, nonostante sia partita la campagna di vaccinazione. Inoltre il circuito di Phillip Island rischia di essere sostituito dal nuovo e più attraente tracciato “The Bend” situato ad Adelaide.

Phillip Island tappa a rischio

Da tempo l’infrastruttura obsoleta di Phillip Island con i box troppo piccoli, i parcheggi delle squadre su prati e le entrate al paddock su strade sterrate, che sono motivo di discussione. Al momento non esiste una vera alternativa a Phillip Island per la location del GP d’Australia. Ma il contratto a lungo termine con Dorna è ovviamente valido solo se l’omologazione di grado A della FIM viene prorogata entro la fine dell’anno. E l’omologazione è stata rilasciata solo per il prossimo evento, una contromisura lanciata dopo l’annullamento di Silverstone 2018. L’ipotesi che avanza da settimane è che l’appuntamento di Phillip Island venga spostato ad inizio campionato. In questo caso della stagione MotoGP 2022. Per allora gli organizzatori avranno un bel da fare.

4 commenti

fabu
17:43, 18 gennaio 2021

“The Bend” più attraente in che senso? Phillip Island è di una bellezza mozzafiato. Oltre ad essere velocissimo, come deve essere un circuito per la massima competizione motociclistica.

    makitari_15179021
    18:07, 18 gennaio 2021

    Date una veloce occhiata a UBITENNIS
    se non lo sapete stanno mettendo in quarantena il ghota del tennis mondiale che è confluito in AUS per uno dei tornei più importanti del mondo …

      corsedimot_15035767
      7:36, 19 gennaio 2021

      E allora? Cosa dovevano fare: lasciarli liberi di impestare tutto il Paese? Tra l’altro, se non si allena nessuno, si trovano tutti sullo stesso piano. In ogni caso, non vedo cosa c’entri con l’eventuale boiata dello spostamento futuro del GP a The bend.

        makitari_15179021
        12:01, 19 gennaio 2021

        Non critico la severa e giustificata decisione … L’ho scritto solo per evidenziare che l’AUS è molto attenta … di certo più di noi !

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto2 e Moto3, a Portimao continua la preparazione per la stagione 2021

MotoGP, Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci: rinnovo di contratto dopo il Mugello

MotoGP Test Qatar 2021

MotoGP Test Qatar: focus box-to-box, lavori in corso in pit-lane