aoki - mondiale motogp

MotoGP, la storia: le sfide tra fratelli nella stessa categoria (parte 3)

Continuiamo coi fratelli in competizione in una stessa categoria nella storia del Motomondiale. Per esempio gli Aoki, ma non solo: la terza parte.

2 marzo 2021 - 7:48

Tanti i fratelli in azione nel Motomondiale, tra chi si è distinto di più e chi invece ha fatto solo qualche comparsa. “Questioni di famiglia”, viste più di una volta nel corso della storia di questo Campionato del Mondo. Tra questi però ce ne sono di particolari, nel senso che hanno avuto il privilegio di condividere la pista nel corso di eventi disputati della medesima categoria, magari per una volta sola. Quest’anno avremo gli Espargaró, i Márquez e Rossi-Marini in MotoGP, ma sono tanti quelli che li hanno preceduti. Abbiamo detto alcuni nomi nella prima e nella seconda parte, continuiamo il nostro racconto.

Bernard e Marc Garcia 

Ripartiamo in Europa, per la precisione dalla Francia, nazione di origine della coppia che adesso citiamo. Stiamo parlando di Marc Garcia, marsigliese classe 1967, e Bernard Garcia, di tre anni più giovane. Il loro esordio nel Motomondiale avviene nel 1992, ma in questo caso si tratta di classi diverse. Per ritrovarli nella stessa categoria basta attendere appena due anni, ma da quel momento disputeranno svariate stagioni insieme. Nel biennio 1994-1995 sono entrambi in 500cc: sette piazzamenti a punti per Marc (con un 9° posto in casa nel ’94 come miglior risultato), ben di più per Bernard (8° nel GP d’Italia ’94). Segue un’annata nella ‘categoria della discordia’, Thunderbike Thophy, con Bernard che ottiene il suo unico podio a livello mondiale, un 2° posto al Paul Ricard. I due fratelli Garcia saranno di nuovo in pista assieme nel 1999 nel GP a Valencia: in parte, visto che Bernard non si qualifica per la gara, mentre Marc taglia il traguardo in 17^ piazza.

Nobuatsu e Takuma Aoki

Citiamo i fratelli giapponesi più famosi del Motomondiale. In tutto tre, ma ora è il caso di due soli: Nobuatsu e Takuma Aoki. Il primo è nel Mondiale dal 1990, il secondo dal 1993, ma l’anno che ci interessa in particolare è il 1997. In quella particolare stagione infatti entrambi si ritrovano a condividere la 500cc: per Nobuatsu si tratta dell’annata d’esordio nella categoria regina, per Takuma invece è l’ultima, nonché l’unica completa nel Motomondiale. Quattro podi stagionali per il primo, tre per il secondo, ma l’evento da ricordare è il GP di Imola. Dietro al vincitore Doohan infatti si piazzano Nobuatsu secondo e Takuma terzo. Assieme ai Salatino nel ’62, ad oggi sono gli unici fratelli ad aver condiviso un podio.

Eustaquio e Idalio Gavira

Rimaniamo nello stesso anno, il 1997, ma ci spostiamo in Spagna per trovare un altro esempio. Stiamo parlando di Idalio Gavira, classe 1971, e del fratello minore Eustaquio Gavira, di due anni più giovane. È stato l’unico anno nel Motomondiale per il primo, mentre il secondo ha messo a referto anche un paio di partecipazioni nella stagione successiva. Ma a noi interessa proprio quest’annata, in cui i due fratelli hanno condiviso 12 Gran Premi nella categoria 250cc. A cominciare dal primo evento in Malesia, con Eustaquio 12° e Idalio ritirato. Sono gli unici punti iridati per il minore, mentre il turno del secondo arriva in occasione del GP di Francia: Idalio è 14° e si assicura così due punti, gli unici della sua carriera. L’ultima volta dei due Gavira insieme è la tappa in Repubblica Ceca: Eustaquio chiude 16°, Idalio si ritira.

‘Gelete’ e Pablo Nieto

Siamo sempre nella penisola iberica, considerando in questo caso due figli di una leggenda delle due ruote. Angel jr e Pablo Nieto, figli del 13 volte iridato Angel Nieto, rientrando in questa lista per aver condiviso quattro stagioni mondiali in 125cc. Le ultime a livello internazionale per ‘Gelete’, le prime invece per il fratello minore. Un periodo in cui nessuno dei due è mai riuscito a salire sul podio (in seguito invece Pablo ce la farà più volte). Nel 1998 condividono però solo il GP di Catalunya, in cui entrambi chiudono fuori dai punti, prima dell’esordio a tempo pieno del minore. I migliori risultati di Gelete in questo periodo sono i due quinti posti ottenuti a Welkom ed a Jerez nel 2001, ultimo anno condiviso, mentre Pablo ha messo a referto un 4° posto a Valencia nel 2000.

Nobuatsu e Haruchika Aoki

Riprendiamo il discorso dei fratelli giapponesi, gli Aoki, ma stavolta il duo cambia rispetto a quello citato in precedenza. Chi ci interessa in questa occasione è l’unico campione della famiglia, il due volte iridato 125cc Haruchika Aoki, che nel 1999 ha condiviso la stagione 500cc con il fratello minore Nobuatsu Aoki. I due ragazzi giapponesi disputano insieme 14 dei Gran Premi in programma in classe regina. Haruchika, all’esordio nella categoria, si piazza in top ten per tre volte: spicca in particolare il 6° posto ottenuto in occasione dell’evento in Germania. Per Nobuatsu si tratta invece della peggior annata in classe regina (è 13° iridato), ma chiude per otto volte tra i primi 10, sfiorando una volta il podio nel Gran Premio d’Olanda.

Jakub e Matěj Smrž

Ci spostiamo poi in Repubblica Ceca per un’altra coppia di piloti rientrante nella nostra lista. Gli interessati sono Jakub Smrž, classe 1983, ed il fratello Matěj Smrž, di un anno più giovane. Il primo ha corso nel Motomondiale dal 1998 al 2006, dividendosi tra 125cc e 250cc ma disputando solamente quattro stagioni complete. Per il minore invece a referto tre wild card nella ottavo di litro nel biennio 2001-2002. Ma è il primo anno citato che ci interessa, visto che i due fratelli hanno avuto il privilegio di disputare un Gran Premio insieme. L’occasione è la tappa casalinga sullo storico circuito di Brno. Jakub chiude la corsa al 6° posto, Matěj all’esordio è 27°, parte di un quartetto ceco che completa la classifica dei piloti al traguardo.

(segue)

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Tecnica Yamaha M1 Quartararo

MotoGP, la tecnica: Quartararo e la M1, dettagli di una Yamaha mondiale

marquez espargaro honda motogp

MotoGP: Márquez-Espargaró, quella doppietta Honda attesa dal 2017

MotoGP, Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi spiazza la conferenza: “C’è una ragazza nuda dietro di te”