500cc hedemora circuit - motogp

MotoGP, la storia: 1958, il primo GP di Svezia si corre a Hedemora

Il Mondiale MotoGP un tempo andava anche in Svezia. Il primo GP s'è disputato al Hedemora Circuit, per poi spostarsi altrove. Ricordiamo quell'evento.

31 luglio 2021 - 20:00

Nella lunga storia dell’attuale Mondiale MotoGP, iniziata nel lontano 1949, abbiamo anche eventi su piste visitate solo per una volta, o per brevissimo tempo. Vi abbiamo raccontato per esempio dell’ormai dimenticato Johor Circuit, o dell’unico GP del Canada disputato. Aggiungiamo anche il primo tracciato in Venezuela, con pochissimi GP a referto prima di essere abbandonato. Un altro che possiamo citare è Hedemora Circuit, che ha ospitato per una sola volta il Gran Premio di Svezia (evento che ha avuto 22 edizioni mondiali in totale). Ve lo ricordate? Rivediamo com’è andata.

Il tracciato 

Dobbiamo tornare agli anni ’30 per trovare le prime notizie relative a questo circuito. Lungo 7240 metri con 11 curve in totale, situato a 170 km a nord-ovest di Stoccolma, sale agli onori della cronaca per le corse nel biennio 1933-1934. Nello specifico, ‘eredita’ dalla pista di Onsala il popolare Swedish TT, ma solo per questi due anni prima che si passi ad altre piste. Si torna qui nel 1949 con l’Hedemora TT, per poi ospitare in seguito altre gare sia a due che a quattro ruote non valide a livello mondiale.

La denominazione diventa “Gran Premio di Svezia” nel 1954, togliendo il nome di TT concesso solamente per le corse disputate sull’Isola di Man ed in Olanda. Passano quattro anni ed ecco che tra queste curve arriva il Motomondiale: è qui che ha luogo il primo Gran Premio di Svezia valido per questo campionato. Ma solamente per quella stagione, visto che già l’anno dopo si decide di correre altrove. Al Hedemora Circuit rimangono solo le gare a livello nazionale, fino al 1999, quando viene ‘temporaneamente chiuso’.

Il Gran Premio di Svezia 

Sono i giorni 26 e 27 luglio del 1958, il Campionato del Mondo approda per la prima volta in Svezia. Quattro le categorie in azione a Hedemora, ovvero 125cc e 250cc (di sabato), 350cc e 500cc (di domenica). In queste ultime due classi è un vero dominio britannico: Geoff Duke in particolare vince entrambe le corse, ma sono due podi esclusivamente per piloti del Regno Unito. In 500cc il vincitore precede Dickie Dale e Terry Shepherd, in 350cc è tripletta Norton completata da Bob Anderson e Mike Hailwood. Parla tedesco invece la quarto di litro, con Horst Fügner (MZ) salito per la prima ed unica volta in carriera sul gradino più alto del podio mondiale. Seguono Hailwood e Geoff Monty.

Nota italiana con il giro veloce di Tarquinio Provini (MV Agusta), davvero sfortunato. A lungo al comando e lanciato verso la vittoria, deve fare i conti con la rottura del cambio ed un inevitabile passaggio ai box per sistemare il guaio. La 125cc invece regala parecchie soddisfazioni per i nostri colori, a cominciare a Alberto Gandossi in trionfo con Ducati per la seconda volta in quella stagione (riaprendo la lotta per il titolo). Anzi è doppietta per la casa di Borgo Panigale grazie a Luigi Taveri, terza piazza per la MV Agusta di Carlo Ubbiali. Un podio tutto per moto tricolori, o meglio una top 4 completata da Provini. I tanti incidenti verificatisi in questi due giorni però convincono gli organizzatori a guardare altrove: il GP di Svezia a Hedemora rimane quindi un evento unico.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alessandro zaccone motoe

MotoE, Alessandro Zaccone: addio al campionato, ma è andata bene…

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: caccia ad un altro colpaccio, stavolta in casa

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Con Valentino Rossi non c’è lavoro di squadra”