MotoGP: la Spagna è già Campione del Mondo 2010

Il titolo andrà sicuramente a Lorenzo o Pedrosa

20 settembre 2010 - 1:36

La stampa iberica già nella giornata del sabato aveva anticipato quello che sarebbe successo 24 ore più tardi: la matematica certezza che un pilota spagnolo, nello specifico Jorge Lorenzo o Dani Pedrosa, diventerà Campione del Mondo MotoGP 2010. Nonostante il successo in gara al Motorland Aragon l’aritmetica condanna Casey Stoner, dietro 129 punti rispetto a Jorge Lorenzo con un massimo di 125 ancora a disposizione nelle ultime cinque gare stagionali.

Soltanto Dani Pedrosa resta in gioco, dovendo recuperare 56 lunghezze nei confronti del connazionale della Yamaha, con il motociclismo iberico che può già iniziare i festeggiamenti a 11 anni dall’ultimo titolo mondiale nella classe regina ad opera di Alex Criville, stagione 1999, classe 500cc con la Honda NSR 500 ufficiale.

La Spagna ha inseguito a lungo in questi anni questo trionfo: Sete Gibernau concluse 2° nel 2003 e 2004, Dani Pedrosa rimase in corsa fino alla penultima gara nel 2006. Nel 2007 il pilota della Honda terminò al secondo posto in una classifica dominata da Casey Stoner, mentre 12 mesi or sono Jorge Lorenzo si è giocato il titolo con Valentino Rossi.

Adesso la “Marcha Real” può risuonare per celebrare la vittoria del motociclismo iberico nella top class, aspettando l’epilogo di una stagione tutto sommato ancora aperta a molti scenari. Dani Pedrosa nelle ultime quattro gare ha ridotto il proprio svantaggio da 77 a 56 punti, ma d’altro canto sarà obbligato a vincere tutte le prossime 5 gare in calendario.

Nell’eventualità Jorge Lorenzo può accontentarsi di conquistare tre terzi e due quarti posti, qualche piazzamento qua e là per essere il primo successore di Alex Criville nell’albo d’oro dei piloti spagnoli campioni del mondo nella classe regina.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Uriarte Rookies Aragon

Red Bull Rookies Cup: Pole di Uriarte nel round finale ad Aragón

Michele Pirro

CIV Superbike Mugello: Michele Pirro dà mezzo secondo a tutti

Valentino Rossi ad Aragon

Valentino Rossi boccia Tsuji: “Il cambio migliorerà lo sviluppo della moto”