MotoGP, Carmelo Ezpeleta

MotoGP, la lettera di Carmelo Ezpeleta a team e fan

Carmelo Ezpeleta scrive una lettera agli addetti ai lavori e ai fan della MotoGP. L'obiettivo è salvaguardare quanti più Gran Premi possibili nella stagione 2020.

20 marzo 2020 - 12:58

Carmelo Ezpeleta rompe il silenzio in questo periodo di emergenza Coronavirus che ha bloccato sul nascere la stagione MotoGP 2020. In condizioni normali i piloti oggi avrebbero tenuto la prima giornata di libere al Buriram, anziché rinchiusi nelle palestre di casa. “Ci sarebbe piaciuto vedere i piloti combattere in pista in ciascuna delle categorie e assistere a un ultimo giro di follia, come siamo abituati su questa pista. Ci sarebbe piaciuto vedere tutti i membri del paddock che lavoravano duramente per i nostri fan, presenti o da casa“.

Ogni governo ha alzato le barricate per provare a limitare l’espansione del virus. Qatar e Thailandia hanno subito annunciato l’impossibilità a correre il Gran Premio. “Abbiamo dovuto rispettare le misure preventive messe in atto dai vari governi per proteggere la nostra salute. Oggi più che mai dobbiamo essere consapevoli della responsabilità che ci spetta – ha proseguito il CEO della Dorna – e del sostegno che dobbiamo fornire nel seguire queste raccomandazioni, per il bene di tutti! Questo virus potrebbe spegnere il nostro pianeta per un periodo indefinito, ma sono sicuro che ritroveremo la nostra vita quotidiana. E soprattutto che ne usciremo ancora più forti!“.

DORNA NON SI ARRENDE

Non sarà certo il Coronavirus a fermare gli obiettivi di Dorna Sports. “La nostra missione era organizzare le gare e rimarrà tale. Anche nelle peggiori situazioni, manterremo questo motto: correre. La competizione scorre nelle nostre vene, non posso immaginare per un momento che potrebbe fermarci. COVID-19 ha influenzato molti eventi sportivi in ​​tutto il mondo e sfortunatamente non abbiamo avuto l’inizio previsto della stagione. Detto questo, la nostra disciplina continuerà, come dal 1949. Dopo i cambiamenti già annunciati, ora dobbiamo seguire l’evoluzione di questa pandemia e le politiche locali, al fine di mantenere un massimo di GP, questo è il nostro obiettivo principale“.

Il medesimo discorso vale anche per il campionato di Superbike, la MotoE e tutte le gare a due ruote. “I nostri pensieri e tutte le azioni che intraprendiamo si concentreranno su due cose: i nostri fan e, naturalmente, tutti coloro che lavorano così duramente per rendere possibili i nostri campionati. Facciamo tutto il possibile affinché piloti, ingegneri, meccanici, personale logistico, manager, cameraman, giornalisti, tecnici multimediali, coordinatori e tutti gli altri collegamenti essenziali nel nostro sport possano riprendere ciò che sanno fare meglio: le gare. Infine, vorrei ringraziare la FIM, l’IRTA, i costruttori, i piloti di ciascun campionato, i membri del team, i promotori, le emittenti, gli sponsor, i media e tutti i dipendenti di Dorna per il modo in cui affrontano questa situazione con tanta pazienza, professionalità e comprensione reale“.

Infine un appello a tutti i fan. “Sono instancabili e ci seguono fedelmente da un circuito all’altro o attraverso qualsiasi mezzo o piattaforma, da un angolo del mondo all’altro. Dobbiamo ringraziare loro per l’incredibile storia del nostro sport – ha concluso Carmelo Ezpeleta -. Quindi, a tutti questi fan, resta solo una cosa da dire: speriamo di rivedervi presto e di nuovo in pista“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci

MotoGP, Herve Poncharal: retroscena sull’arrivo di Danilo Petrucci

guintoli suzuki motogp

MotoGP, la tecnica: la Suzuki GSX-RR 2020 nei test a Misano

Max Biaggi

L’impresa di Max Biaggi: dalla MotoGP alla Superbike al record mondiale