MotoGP, Francesco Guidotti KTM

MotoGP, KTM scopre le carte. Leitner: “Guidotti è la persona giusta”

KTM mette a segno l'ultimo colpo di mercato MotoGP 2021 ingaggiando Francesco Guidotti. Mike Leitner non lascerà il progetto e promuove le nuove decisioni aziendali.

27 novembre 2021 - 9:43

KTM non ha ancora presentato ufficialmente il nuovo team manager Francesco Guidotti, ma mette in chiaro i programmi per la prossima stagione MotoGP. Fabiano Sterlacchini, ex braccio destro di Gigi Dall’Igna in Ducati, assume la gestione dello sviluppo della RC16. Mike Leitner rivestirà un ruolo secondario senza però lasciare il team austriaco. “Lui è e rimane un amico di casa – chiarisce Pit Beirer a Motorsport-Total.com -. Mike ha dato tutto per questo progetto giorno e notte per sette anni. Abbiamo deciso insieme che vogliamo percorrere altre strade nella gestione della squadra. Dobbiamo fare il passo successivo nel progetto e separare maggiormente la gestione sportiva e lo sviluppo della moto“.

Leitner cambia ruolo

Secondo le dichiarazioni ufficiali la decisione sarebbe stata presa anche da Mike Leitner, per il bene del marchio. E’ tra i capostipiti del progetto MotoGP, ha iniziato come consulente fino a ricoprire ruoli sempre più importanti. “Mi occupavo anche di decisioni tecniche, strategiche e tante altre cose – racconta il tecnico austriaco -. Di questo argomento si parlava da tempo. Negli ultimi sette anni ho investito una quantità incredibile di energie per far decollare questo progetto“. Adesso KTM è arrivata al punto di dover compiere un ulteriore step, ha un reparto giovanile che fa invidia a tutti i costruttori. Serviva una figura dinamica all’interno del box ed è stata indicata in Francesco Guidotti.

L’arrivo di ‘Checco’ Guidotti

Non è un personaggio del tutto nuovo per la Casa di Mattighofen, qui ha già lavorato in passato per le classi minori. Con la ristrutturazione, KTM vuole garantire più tranquillità e fluidità negli ingranaggi. Fabiano Sterlacchini coordinerà lo sviluppo tecnico in Austria. Il test team proseguirà il lavoro attorno a Dani Pedrosa. La squadra corse dovrebbe concentrarsi solo sulle prestazioni. Francesco Guidotti, che non è un tecnico, arriverà con l’obiettivo di infondere più serenità ai box e fare da anello di congiunzione tra il reparto racing e i vertici aziendali. “Penso sia la persona giusta. Non è uno che può prendere decisioni tecniche. Ma nessuno lo pretende da lui – ha aggiunto Leitner -. Assume una squadra funzionale e non deve costruire nulla. Ho investito molto cuore e anima per avere le persone giuste“.

Sterlacchini al centro del progetto KTM

Il vero nucleo dell’evoluzione sarà Sterlacchini, uomo chiave per il coordinamento tecnico. Adesso tutto sarà accentrato nelle sue mani e in KTM ci sarà una bella componente ‘made in Italy’. “Era quello che ci mancava. Nei primi due anni, Sebastian Risse e io abbiamo preso il comando“, ha concluso l’ex team manager austriaco. “Sono in linea con le decisioni che stanno prendendo. Poi valuterò in quale ruolo sarò visto. Dipende anche da dove KTM vuole vedermi. Ora guardo positivamente al futuro e non vedo l’ora inizi la prossima stagione MotoGP“.

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Joan Mir

MotoGP, Joan Mir vola a Sepang: tante novità e dubbi sugli avversari

Binder KTM MotoGP

MotoGP, Brad Binder: “Petrucci incredibile, che sfida alla Dakar”

MotoGP, Michele Pirro: “Sepang è un banco di prova importante”