MotoGP, Pit Beirer

MotoGP, KTM chiude ad un secondo team satellite

Pit Beirer esclude l'ipotesi di un secondo team satellite per la stagione MotoGP 2022. Valentino Rossi e VR46 guardano altrove...

4 febbraio 2021 - 11:35

Nei mesi scorsi ha fatto eco l’apertura di KTM al possibile team VR46 di Valentino Rossi in MotoGP. Da subito i vertici di Mattighofen hanno però messo un paletto ben preciso: un secondo team satellite sarà possibile solo dal 2023. Si tratterebbe quindi, per il clan di Tavullia, di rinviare di un anno il progetto. Alessio Salucci non si nasconde e ammette il sogno di approdare in classe regina. Si lavora alla ricerca di sponsor per un solido piano quinquennale, quindi nessuna intenzione di posticipare. D’altronde un accordo con KTM potrebbe creare scompiglio fra i colossi energetici Red Bull e Monster… Tutto si può fare, nulla è impossibile, ma con i dovuti tempi e accordi.

Intanto ci sono da piazzare tre team satelliti: Petronas SRT, Gresini e Sky VR46. Uno di questi andrà ad affiancarsi sicuramente a Suzuki, uno con Yamaha, l’altro probabilmente con Ducati. Honda consolida il patto di ferro con LCR, Aprilia per adesso resta un’ipotesi poco appetibile. Pit Beirer, direttore motorsport KTM, ribadisce ogni chiusura per il 2022. “Non ci sono state richieste al riguardo – dichiara a Speedweek.com -. Siamo ancora molto giovani nella classe MotoGP e stiamo costruendo qualcosa. Prima dobbiamo confermare ciò che abbiamo mostrato nel 2020. Inoltre, Dorna preferirebbe avere un team di clienti per ciascuno dei sei produttori… Non escludo una terza squadra per il futuro. Ma non è in programma per il 2022. Siamo sufficientemente occupati“.

Pit Beirer non nasconde che una chiamata da Valentino Rossi farebbe senz’altro piacere, ma è un matrimonio che richiede tempo. A questo punto la VR46 guarda a Yamaha, ma anche intorno. Si prospetta un testa a testa con la scuderia malese, forte di una multinazionale come Petronas. “Se un proprietario di un team MotoGP vuole parlare con noi e ordinare delle moto, ci sediamo e ascolteremo. Ma questo non è un problema per noi al momento“, ha concluso Beirer.

1 commento

makitari_15179021
12:01, 4 febbraio 2021

Già … K …
Tutti sannoche non nne sbagliano una ‘sti Austriaci …
Hanno l’ anima germanica … ma senza la “granicità” tedesca che li renderebbe meno flessibili … spero di spiegarmi … K ha la mente aperta se una cosa non va come sperato la cambia in 24 ore … questo è il concetto- Siamo agli antipodi dei Giapu e anche della Ducati … secondo me ;- ) … rapidi come saette e flessibili come giunchi … Vinceranno anche in MGP statene certi …
Loro non giocano per piazzarsi … fànno moto superiori … nelle moto stradali e lo sapete tutti, anche voi desmodipendenti antiquati …
Anche se questa stagione sembra partire sotto una tempeste K e SUZU saranno tra i primi 3 … Scommettiamo ?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pecco Bagnaia e Luca Marini

MotoGP, ‘arm pump’: i commenti della VR46 Academy

Tony Cairoli

MXGP, Tony Cairoli come Valentino Rossi: fine carriera o rinnovo annuale

MotoGP, Joan Mir

Joan Mir: “Valentino Rossi resterà legato al mondo della MotoGP”