MotoGP: Piloti KTM e Aprilia con i tester per lo Shakedown a Sepang

Aprilia e KTM portano anche i propri piloti ufficiali allo Shakedown, una tre giorni di test privati che precede le prove ufficiali per la MotoGP a Sepang.

31 gennaio 2019 - 16:39

I primi test ufficiali del 2019 per la categoria MotoGP sono in programma dal 6 all’8 febbraio al Sepang International Circuit, ma prima di allora è previsto uno Shakedown, con i tester in azione nei giorni 1-2-3 febbraio. Sembra però che in pista non ci saranno solo loro: essendo squadre con concessioni tecniche, KTM e Aprilia hanno deciso di portare anche i piloti ufficiali per permettere loro di provare un po’ di più (il periodo di divieto di test finisce oggi).

La struttura austriaca si presenterà al gran completo. Oltre al tester Mika Kallio, KTM ci sarà con il duo del team ufficiale Pol Espargaró e Johann Zarco, in azione assieme anche agli alfieri Tech 3, vale a dire Hafizh Syahrin ed il rookie Miguel Oliveira, anche se non è ancora chiaro se tutti e quattro saranno in pista nei tre giorni o solo in alcuni. “Avremo sei giorni di test a Sepang” ha dichiarato il pilota malese, parlando del suo programma di lavoro. “Sono tanti, ma avremo tutto il tempo per provare tante novità.”

Come detto all’inizio, in pista ci sarà anche Aprilia, che ha portato sia il tester Bradley Smith che i due piloti ufficiali Aleix Espargaró ed Andrea Iannone. Come dichiarato però a crash.net, la casa di Noale ha programmato i primi due giorni con il collaudatore britannico, mentre l’ultima giornata sarà per lo spagnolo ed il neo acquisto italiano. Ducati, Honda e Yamaha non possono prendere parte a questi test con i piloti ufficiali, così come Suzuki, che ha appena perso le concessioni per via dei podi ottenuti nel 2018.

Per queste ultime, saranno in pista solo i collaudatori. Parliamo nello specifico di Stefan Bradl per HRC (il tedesco sarà in pista anche nei test ufficiali al posto dell’infortunato Lorenzo), di Sylvain Guintoli per Suzuki, di Michele Pirro per Ducati, di Jonas Folger per Yamaha, oltre ai già citati Bradley Smith (Aprilia) e Mika Kallio (KTM). La pista malese ospiterà in questi giorni anche alcune squadre che prenderanno parte alla 8 ore di Suzuka.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi pilota Yamaha

MotoGP, Valentino Rossi: “Settimane decisive tra Valencia e Jerez”

Andrea Dovizioso pilota Ducati

MotoGP, Ducati gioca la carta informatica per battere Marquez

motogp

MotoGP: L’Ungheria entra nel calendario 2022?