Oliveira KTM MotoGP

MotoGP: KTM, abbiamo un problema? Risse: “Non s’è visto tutto”

KTM un po' più indietro di quanto ci si aspettasse nei test in Qatar. Ma Sebastian Risse sottolinea che "Losail è un circuito 'speciale'. In gara la storia cambia."

14 marzo 2021 - 16:08

Chi pensava di vedere la truppa KTM nelle zone alte della classifica negli ultimi test MotoGP, è rimasto deluso. La migliore RC16, guidata da Oliveira, ha chiuso con il 16° crono combinato a +1.3 secondi dal gran tempo di Miller. Certo non ci sono stati time attack, i piloti ed il tester Pedrosa hanno avuto molto da provare, non sono mancati alcuni incidenti (Binder e Lecuona in particolare) e Petrucci era al debutto con questa moto. Ma la sensazione è che non sia andata esattamente come ci si aspettava. La stagione 2021 inizia proprio a Losail tra meno di due settimane, e con due GP consecutivi. Come se la caverà la casa austriaca? Dal 26 marzo lo sapremo.

“È vero che stiamo avendo qualche difficoltà ad esprimere il massimo da ciò che abbiamo” ha ammesso Miguel Oliveira alla fine di questi giorni. “Mi sono sentito bene in sella, ma non si vede dai tempi. Siamo lontani, sembra che ci sia qualche problema in più su questo tracciato.” Ma sottolinea anche che non c’è questa grande preoccupazione in casa KTM. “Dobbiamo analizzare quanto fatto in questi giorni e prepararci per il GP.” Gli fa eco Brad Binder in ogni aspetto, aggiungendo che “Sulla carta sembra peggio. È stato un test difficile per noi e sappiamo tutti che non ci piace questa pista. Ma abbiamo buone idee.”

“Siamo lontani da dove vorremmo essere” ha aggiunto Danilo Petrucci, reduce dalle prime uscite con KTM Tech3. Ma è positivo e non vede l’ora di disputare il primo evento dell’anno, un’occasione anche per testare qualche altra cosa visto il venerdì buttato. Per finire, anche per Iker Lecuona non sono mancate le difficoltà, incluse tre cadute. “Abbiamo fatto fatica” ha dichiarato il pilota spagnolo, verso il suo secondo anno in MotoGP. “Losail in effetti non è la pista migliore per KTM.” Ma come i colleghi, pensa positivo in vista dell’inizio di stagione. “Possiamo avvicinarci di più alla top ten.”

“Parliamo di una pista sempre ‘speciale'” ha aggiunto il technical coordinator Sebastian Risse alla fine degli ultimi test. “Abbiamo lavorato allo sviluppo in ogni area, per poi mettere tutto assieme. I piloti quindi hanno avuto un programma di lavoro piuttosto impegnativo. Sappiamo poi che Losail non è il circuito più semplice per la nostra moto, ma abbiamo una buona base.” Non una rivoluzione, ma un’evoluzione. Sottolineando poi che “Non abbiamo ancora mostrato tutto ciò che possiamo fare. In gara sarà come sempre una storia diversa, ma soprattutto abbiamo una stagione intera davanti e vogliamo usarla per mostrare tutto il potenziale della RC16.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: KTM Images/Polarity Photo

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

danilo petrucci motogp

MotoGP, Petrucci: ultimo GP in casa e le ipotesi Dakar-MotoAmerica

motogp luca marini

MotoGP, Luca Marini: “Proverò a stare coi primi, posso imparare molto”

bagnaia motogp

MotoGP, Bagnaia: “Quartararo indietro? Devo spingere come se fosse 2°”