MotoGP: Kawasaki in top class terza parte, la Ninja ZX-RR 2003-2006

La terza parte dell'esperienza vissuta da Kawasaki in MotoGP. In questo nuovo capitolo parliamo del periodo tra il 2003 ed il 2006.

28 marzo 2020 - 12:04

Sappiamo bene che Kawasaki non tornerà in MotoGP. Nonostante alcuni elementi interessanti, i precedenti escludono questa eventualità. Rivediamo però la storia del team nella categoria regina del Campionato del Mondo. Dopo il primo capitolo sulla Kawasaki KR500, seguito dalla genesi della Ninja ZX-RR 1000cc, ecco la terza parte che ripercorre il periodo MotoGP della squadra di Akashi dal 2003 al 2006.

LA STAGIONE 2003

Kawasaki ha iniziato il suo primo anno in MotoGP con il nome di Fuchs Kawasaki, con una macchina relativamente classica, derivata dalla Superbike.

Motore
Tipo: 4 cilindri 4 tempi
Cilindrata: 990cc
Testa: 4 valvole per cilindro, doppio albero a camme, molle valvole
Alimentazione: Iniezione elettronica Keihin FCR-i
Elettronica: Denso
Lubrificazione: carter umido
Potenza: 240 cavalli
Frizione: a secco, a scorrimento
Cambio velocità: a cassetta, sei velocità

Sotto la direzione di Harald Eckl, si comincia con 3 piloti per il primo Grand Prix della stagione a Suzuka: Garry McCoy, Andrew Pitt e Akira Yanagawa, quest’ultimo wild card. Nonostante tutto il lavoro svolto durante l’inverno, le tre ZX-RR non sono andate oltre il 16°, 17° e 18° posto (su 21 piloti). Tutti hanno concluso a più di un minuto dal vincitore, Valentino Rossi. Questo inizio piuttosto modesto sarà il filo conduttore di tutto l’anno, nonostante l’aiuto del collaudatore Alex Hofmann a Jerez. Alla fine, Garry McCoy sarà il migliore, con 11 punti a fine campionato grazie, tra l’altro, al 9° posto sotto la pioggia a Le Mans. Alex Hofmann chiude con 8 punti, solo 4 per Andrew Pitt. I tre piloti sono rispettivamente 22°, 23° e 26° in campionato.

STAGIONE 2004 

A fine 2003 si chiude l’esperienza con Garry McCoy ed Andrew Pitt. L’anno successivo i due piloti vengono sostituiti da Shinya Nakano e Alex Hofmann, promosso pilota titolare. Tecnicamente, la bici ha una nuova carenatura e un nuovo telaio, ancora abbastanza classico, perimetrale in alluminio, ma ora costruito da Eskil Suter , in Svizzera. Gli scarichi si accorciano. La ZX-RR utilizza ancora l’elettronica Denso, in ritardo rispetto a Magneti Marelli. A settembre, durante le prove in Portogallo, i piloti hanno anche testato un’iniezione di Magneti Marelli che sarebbe stata poi adottata.

Harald Eckl, capo del team Kawasaki, firma con Bridgestone in sostituzione di Dunlop. “È stato un anno di test per noi e Dunlop, abbiamo fatto molta strada. Tuttavia, avevo qualche dubbio visto che eravamo l’unica squadra Dunlop. Dopo aver visto i buoni risultati di Bridgestone con Tamada e la sua Honda, ho pensato che sarebbe stata una buona alternativa. Inoltre, Kawasaki e Bridgestone hanno una stretta relazione in termini di produzione, quindi sarebbe stato un altro modo per loro di continuare su questa strada.”

Nel corso delle gare la Kawasaki Ninja migliora e ottiene persino un primo podio in Giappone, con Shinya Nakano. L’anno è però segnato dalla caduta ad altissima velocità di Shinya Nakano sul rettilineo del Mugello, in seguito allo scoppio della sua gomma posteriore. Shinya Nakano evita miracolosamente gravi lesioni nonostante questa caduta a 300 km/h. Riporta però lividi ovunque, su una spalla, un polso, oltre ad una ferita ad un dito ferito della mano destra. Alla fine dell’anno, Shinya Nakano è 10 ° posto in campionato con 83 punti, Alex Hofmann 15° con 51 punti. Meglio ancora, Kawasaki è 4 ° nel campionato costruttori, davanti a Suzuki, Aprilia, Proton, Harris e Moriwaki.

IL CAMPIONATO 2005

Shinya Nakano e Alex Hofmann vengono confermati, mentre Olivier Jacque diventa il collaudatore della squadra, ora Eckl Kawasaki. In quel periodo Kawasaki Motors Japan acquista il circuito in rovina di Autopolis (ora rinnovato), sull’isola meridionale di Kyushu in Giappone. Costruito nel 1990, ha un rettilineo di 902 m, 11 curve a destra molto tecniche e 6 a sinistra. Il tutto su un dislivello di 52 metri, circondato dalle montagne del Kyushu. Unico inconveniente per il pubblico: si trova a 2 ore di auto dalla città più vicina, Kumamoto. Per Kawasaki invece non è troppo lontano da Akashi.

La nuova Ninja ZX-RR si distingue principalmente per il suo nuovo motore Big Bang che sostituisce lo Screamer. Ora ha 4 tubi di scarico e un’iniezione Magneti Marelli. Il debutto a Jerez è stato convincente: Shinya Nakano ha ottenuto un promettente 5° posto. “Un fantastico inizio di stagione per il nuovo motore big bang di Kawasaki. Tutti gli ingegneri Kawasaki hanno fatto un gran lavoro, il motore è ottimo e le prestazioni stanno arrivando. Anche le gomme Bridgestone erano ottime in queste condizioni. Sin dall’inizio ho spinto molto, ma non riuscivo a rimanere nel gruppo di testa, era difficile tenere il passo da solo. Ho continuato a spingere fino al traguardo e anche quando Barros mi ha superato, ho resistito e non ho perso più posizioni.”

Tuttavia, sarà il miglior risultato di una stagione non facile per Kawasaki. Alla fine di aprile Olivier Jacque è chiamato a sostituire Alex Hofmann, infortunatosi al braccio sinistro durante una manifestazione in città prima del Gran Premio del Portogallo. Sebbene abbia 31 anni e poca esperienza nella categoria regina (jolly per Moriwaki), il campione del mondo francese 250cc non lascerà passare la sua occasione. Al Gran Premio di Cina a Shanghai e al Gran Premio di Francia a Le Mans trova in KRT sia il rivale per il titolo 250 fino all’ultima curva, sia il nuovo direttore tecnico della Kawasaki in MotoGP, Ichiro Yoda. Quest’ultimo responsabile dello sviluppo della Yamaha 250cc con cui ha vinto il titolo mondiale nel 2000.

Nella sua prima gara scatta dalla 15a posizione con la Kawasaki. Olivier Jacque realizza l’impresa finendo 2° sotto la pioggia del Grand Prix cinese nonostante una visiera annebbiata. Arriva così il miglior risultato di Kawasaki in MotoGP, il suo migliore risultato personale nella categoria regina e il miglior risultato di Bridgestone sotto la pioggia! Il vincitore Valentino Rossi aveva così iniziato a tenerlo d’occhio, gioia incontenibile per Ichiro Yoda (“Non capisco come Olivier non sia in MotoGP a tempo pieno!”) e di Harald Eckl (“La decisione di metterlo sulla nostra moto è stata quella giusta”).

A Le Mans, due settimane dopo, la prestazione sarà più modesta ma sempre onorevole, un 11 ° posto. Appena 3 posizioni dietro il suo compagno di squadra, condizionato da un problema al motore. “Missione compiuta” per il francese, che viene assunto come pilota collaudatore ma non vedrà più la Kawasaki in gara. Tranne che dalla Germania, per altri quattro sfortunati test alla fine della stagione. Alla fine dell’anno, il bilancio Kawasaki è positivo, non solo per i risultati di Olivier Jacque ma anche per le dieci Top 10 di Shinya Nakano. Il team KRT è di nuovo 4° nel campionato costruttori davanti a Suzuki.

Shinya Nakano ottiene la stessa decima posizione con 15 punti in più rispetto al 2004 e partirà per una nuova stagione in verde. Viene lasciato andare invece Alex Hofmann, condizionato appunto dall’infortunio. Nakano, che ha disputato l’ultima gara a Valencia con una mano infortunata, non partecipa al test post Valencia. Randy de Puniet invece, in arrivo dalla 250cc, fa la sua prima apparizione in sella alla Ninja ZX-RR che guiderà nel 2006. Con lui c’è anche il collaudatore Olivier Jacque. Il mese seguente, durante i 3 giorni di test a Sepang a dicembre, Shinya Nakano piazza un primo prototipo ZX-RR del 2006 a 3 decimi del miglior tempo del campione MotoGP Valentino Rossi.

LA STAGIONE 2006

Sono quindi Shinya Nakano e Randy de Puniet i piloti chiamati a difendere i colori (leggermente modificati) di Kawasaki nel Mondiale MotoGP. Olivier Jacque invece continua il lavoro di sviluppo. La ZX-RR, ancora molto classica, ha un motore più potente e un telaio più maneggevole. Ora sembra possibile apparire nel gruppo di testa, almeno in qualifica. Ecco il suo motore, ancora per il momento con molle valvole, ma ora gestito dall’elettronica Magneti Marelli al 100% basata su una ECU Marvel 4 molto più efficiente del sistema Denso. Ciò si tradurrà in prestazioni molto migliori. Per la cronaca, l’ex tecnico di Aprilia che all’epoca sapeva convincere Kawasaki a scegliere l’elettronica italiana, Danilo Casonato, lavora ancora oggi per l’azienda di Akashi in Superbike…

Come l’anno precedente, il primo Grand Prix a Jerez sorride alla squadra e Shinya Nakano si qualifica in terza posizione. Eguaglia così la sua migliore qualifica nel Grand Prix della Malesia nel 2004, prima di chiudere con un settimo posto. Shinya Nakano realizza una buona stagione se consideriamo le qualifiche: il pilota giapponese scatterà per 16 volte dalla Top 9 (in 17 gare). Sfortunatamente, i risultati sono meno buoni in gara, nonostante un 2 ° posto ad Assen, il miglior risultato di Kawasaki in MotoGP. Dal Mugello la squadra utilizza una nuova carenatura. Progettata dagli ingegneri Kawasaki in Giappone, in collaborazione con lo stesso istituto di tecnologia coinvolto nello sviluppo aerodinamico del famoso treno giapponese Shinkansen ad alta velocità, si dice che la nuova carenatura offra un certo vantaggio in rettilineo.

Alla fine dell’anno, Kawasaki è scesa al 6° posto nel campionato costruttori, dietro a Honda, Yamaha, Ducati, Suzuki e persino al team di Kenny Roberts. Un rospo difficile da ingoiare… Spesso sfortunato in gara anche se brillante in qualifica, Randy De Puniet conclude un anno più difficile del compagno di box. Spicca solo un 10° posto in Portogallo. Il francese chiude con 37 punti il primo di due stagioni per cui ha firmato con Kawasaki. Shinya Nakano invece lascerà la ZX-RR alla fine della stagione, diretto verso Konica Minolta Honda di Gianluca Montiron. Harald Eckl aveva commentato così: “Dobbiamo trovare un altro pilota. Aoyama però ha un contratto con KTM e dobbiamo rispettare gli impegni già presi.”

Dopo due anni come collaudatore, Olivier Jaque viene finalmente promosso pilota ufficiale accanto a Randy De Puniet. Nel novembre 2006 però Kawasaki si separa da Harald Eckl, che aveva guidato il team dal 2002. La motivazione fu “seria partecipazione alle attività in MotoGP di un concorrente.” Si tratta di Ilmor, una società fondata nel 1984 dallo svizzero Mario Illien e dall’inglese Paul Morgan, due ex ingegneri di Cosworth. Nel 2007 schiereranno la X3 in collaborazione con Eskil Suter. Improvvisamente, Kawasaki ha anche interrotto tutte le relazioni con quest’ultimo e i telai dello ZX-RR 2007 saranno prodotti internamente.

Tecnicamente, la grande novità sarà il passaggio dalla MotoGP alla 800cc, ma questa è un’altra storia che ti racconteremo presto… A seguire

L’articolo originale su paddock-gp

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez di nuovo sotto i ferri, il rientro si allontana

MotoGP, Valentino Rossi e Fabio Quartararo

MotoGP, Valentino Rossi e l’erede spuntato 15 anni dopo

pedrosa ktm motogp

MotoGP, Beirer (KTM): “Pedrosa wild card nel 2021? È possibile”