martin bastianini motogp

MotoGP: Jorge Martín vs Enea Bastianini, chi sarà il Rookie dell’Anno?

Jorge Martín ed Enea Bastianini in competizione per il miglior rookie MotoGP. Solo 11 punti tra loro e 3 GP da disputare, un finale di stagione interessante.

12 ottobre 2021 - 16:57

Altri tre Gran Premi e calerà il sipario su questa intensa stagione MotoGP 2021. A Misano potremmo avere il nome del campione del mondo in top class, ma è ancora aperta anche la battaglia per il miglior esordiente. Due i piloti in aperta competizione per questo riconoscimento, separati da 11 punti: stiamo parlando di Jorge Martín e del campione Moto2 in carica Enea Bastianini. Degli altri due esordienti presenti in apertura di stagione, Marini è lontano e Savadori ha ‘lasciato spazio’ a Viñales. Spagna contro Italia per questo finale di campionato e tutto in casa Ducati. Rivediamo la loro stagione finora.

Jorge Martín, 82 punti

L’iridato Moto3 2018 è stato il pilota che è certamente partito al meglio tra gli esordienti. Al secondo GP ecco arrivare pole position e primo podio, comandando a lungo una corsa prima di cedere vittoria e secondo posto. A Portimao però ecco il brutto incidente che lo mette KO per parecchie corse, anzi sta sentendo ancora le conseguenze delle lesioni multiple riportate in quell’occasione. Arrivano di conseguenza quattro zeri consecutivi per infortunio, ripartendo poi con calma dall’appuntamento in Catalunya. In Stiria arriva il suo primo strepitoso successo MotoGP, seguito nella ‘replica’ in Austria da un terzo posto. Seguono poi due ritiri, una nona piazza ed un quinto posto ad Austin. Nonostante ribadisca il suo essere rookie, spesso e volentieri si mantiene nelle zone alte fin dalle prime libere di ogni GP, conquistando poi piazzamenti solidi in gara che gli valgono la prima piazza tra gli esordienti.

Enea Bastianini, 71 punti

Un po’ differente la stagione del campione Moto2 in carica, ricordiamo in azione con una Ducati del 2019. Per lui nessuna ‘esplosione’ fin dall’inizio, ma piuttosto un lavoro per migliorare passo dopo passo ed in maniera costante. Nessun infortunio a differenza del collega di Pramac Racing, ma una differenza di risultati dovuti ad una crescita diversa. Per lui a referto tre ritiri (uno per l’incredibile rottura della carena in corsa), un piazzamento fuori dai punti e tre top ten fino a Silverstone. Da quel momento è riuscito poi a cambiare marcia, come ha ammesso lo stesso ‘Bestia’ in seguito, ed i risultati gli danno ragione. È sesto ad Aragón, conquista poi il suo primo podio MotoGP, uno splendido terzo posto in rimonta in occasione del Gran Premio di San Marino. Infine si assicura un altro solido sesto posto nel difficile fine settimana ad Austin. La prossima settimana poi si torna a Misano e certo con altre belle speranze.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

1 commento

FRA 1988
17:33, 12 ottobre 2021

Martin ha saltato 4 gare per infortunio altrimenti sarebbe oltre i 100 punti. Ma nulla toglie alla bella stagione di Bastianini che ha una moto meno competitiva di Pramac,ma ha fatto un podio da talento puro. Discorso diverso per Marini: bravo in prova ma decisamente sotto tono in gara. Questa politica Ducati però mi piace,escluso Zarco sono tutti al di sotto dei 25 anni.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo e Marc Marquez

MotoGP, Quartararo-Marquez: Honda sogna il nuovo ‘dream team’

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Aleix Espargarò pilota senza bandiera: “Non sono indipendentista”

Superbike, Jonathan Rea

MotoGP, Jonathan Rea: “Grazie a Valentino Rossi”