MotoGP, Jorge Martin

MotoGP, Jorge Martin: Panigale V4S come antipasto della Desmosedici

Jorge Martin si prepara su una Panigale V4S in vista della sua prima stagione MotoGP. Da Cartagena ad Almeria lavora su gestione gomme e traction control.

19 gennaio 2021 - 16:22

Jorge Martin dovrà attendere fino al test MotoGP di marzo, prima di salire sulla nuova Ducati Desmosedici. Nei giorni scorsi si è allenato in sella ad una Panigale V4S a Cartagena, prima di trasferirsi ad Almeria. L’annullamento del test IRTA in Malesia spinge a proseguire la preparazione invernale in modo privati e con moto stradali, ma lo spagnolo scalpita per sentire il fiuto della Top Class.

In quanto rookie potrà mettersi al lavoro il 5 marzo in Qatar, quando sarà in programma lo shakedown. Il primo approccio non sarà per nulla facile, dato che la Rossa non è una moto facile per i debuttanti. “Per loro le prime gare saranno come dei test drive“, ha detto Gigi Dall’Igna a Sky Sport. Ma Jorge Martin vuole arrivare al primo appuntamento in forma smagliante. “Non ho mai guidato una Superbike prima e la Moto2 è stata la moto più potente che abbia mai guidato. A Cartagena sono rimasto impressionato dalla potenza”, ha detto ai microfoni di Motogp.com . “Al momento è la più vicina alla Desmosedici, quindi sono molto grato alla Ducati per avermi dato questa moto per allenarmi. Dopo tre giorni mi sento come se riuscissi a domare la potenza. Adesso cerco di gestire le gomme e di fare molti più giri“.

L’adattamento alla nuova moto

Il neo pilota Ducati Pramac ha dovuto abbandonare il suo #88 per passare all’#89. Non sarà certo la modifica che più desta preoccupazione. Infatti per adattarsi alla MotoGP dovrà necessariamente cambiare stile di guida. “La Moto2 è già molto potente rispetto a una 600, ma ora sto cambiando ancora di più le mie linee. Devi frenare molto prima di capovolgerla, poi voltarti velocemente e accelerare completamente mentre raddrizzi la moto“, ha spiegato l’ex campione Moto3. “È anche la prima volta che ho usato e ho cercato di capire il controllo di trazione. Sto migliorando il mio crono e il mio passo ad ogni giro, al momento sono felice dopo quattro giorni. Dopo due mesi senza guidare una moto da strada, è stata dura“.

Negli inverni precedenti Jorge Martin ha sempre riportato un infortunio, stavolta invece gli è andata meglio. “Per fortuna quest’anno sono riuscito a guidare più possibile con il motocross subito dopo il finale di stagione a Portimao. È una delle mie discipline preferite. Sono super felice di essere in forma a metà gennaio e non vedo l’ora di iniziare. Sono pronto per la sfida della MotoGP“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jack Miller

MotoGP, Jack Miller: “Valentino Rossi è come Highlander”

MotoGP, Valentino Rossi al Ranch

MotoGP, Lorenzo sr.: “Valentino Rossi competitivo fino al declino fisico”

jake dixon moto2

Moto2: Jake Dixon ed il rischio (scongiurato) del ritiro anticipato