MotoGP Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Sono stato il primo ad ammettere la paura”

Jorge Lorenzo ricorda alcuni degli incidenti rimediati in MotoGP durante la sua prestigiosa carriera. Ma la paura va sconfitta con la passione per le moto.

16 dicembre 2021 - 16:44

Vacanze di Natale a Dubai per Jorge Lorenzo che lascia la sua fredda Lugano per un clima più mite. L’ex pilota MotoGP, cinque volte campione del mondo, si gode la “pensione” ma non è da escludere un prossimo impegno con le corse automobilistiche. Qualche settimana fa ha effettuato un test a Franciacorta con la Porsche GT3, poi ha partecipato alla 100 Km dei Campioni al Ranch di Valentino Rossi.

La sua è stata una carriera davvero entusiasmante, ritrovandosi in situazioni spesso complicate. Come gli infortuni che non lo hanno quasi mai abbandonato nei suoi 18 anni di Motomondiale. Tanto da chiedersi se valesse la pena continuare. Ma il pericolo fa parte del gioco, della vita di ogni pilota, consapevole che la morte può essere sempre dietro l’angolo. Così come la paura, che interviene dopo una caduta. E solo chi è portato per questo sport ha la capacità di rialzarsi e rimettersi in sella. Non sono permessi tentennamenti.

Jorge Lorenzo conosce molto bene il risvolto della medaglia della MotoGP. “Sono stato uno di quelli coraggiosi, non avevo paura di esprimere quello che sentivo dal 2008. Ho avuto paura dopo le cadute in Cina, a Le Mans o al Montmeló in cui ho battuto la testa – racconta il maiorchino a DAZN -. Ho anche detto che avevo paura di andare in moto ma poi a poco a poco l’ho superata, sono stato il primo ad ammetterlo“.

La passione ha sempre avuto il sopravvento sulla paura, anche se la difficile annata 2019 in Honda ha contribuito a mettere la parola fine alla sua carriera. “Sulla moto hai molto controllo, perché lo fai da quando sei piccolo… Non sei consapevole che se qualcosa va storto o hai sfortuna puoi avere un handicap per tutta la tua vita fisica o addirittura perdere la vita” .

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Joan Mir

MotoGP, Joan Mir vola a Sepang: tante novità e dubbi sugli avversari

Binder KTM MotoGP

MotoGP, Brad Binder: “Petrucci incredibile, che sfida alla Dakar”

MotoGP, Michele Pirro: “Sepang è un banco di prova importante”