Jorge Lorenzo pilota Honda

MotoGP, Jorge Lorenzo scommette sulla RC213V 2020

Jorge Lorenzo riparte dalla Honda 2020 che proverà nel test di Valencia: "Sarà più potente, vediamo come hanno lavorato negli ultimi mesi".

11 novembre 2019 - 17:57

Jorge Lorenzo proverà a fare i conti con Marc Márquez a partire dal post Valencia. Dopo aver saltato il test MotoGP di Sepang e di Misano, al Ricardo Tormo ha intenzione di dire la sua sulla Honda RC213V 2020. Ci proverà ad ogni modo, consapevole di avere una voce in capitolo secondaria. Da parte sua potrà contare anche sull’opinione di Cal Crutchlow, entrambi intenzionati a trovare soluzioni in percorrenza di curva. Nel test estivo a San Marino non ha potuto provare il nuovo prototipo a causa dell’infortunio rimediato ad Assen. “Al momento la moto del prossimo anno sembra più potente di questa. Vedremo cosa hanno fatto in questi mesi e se sono stati in grado di migliorarla“.

Sul tracciato di Valencia, dove ha trionfato quattro volte, proverà a trovare uno spiraglio di luce ad una crisi iniziata già lo scorso inverno. Buone le sensazioni con la Honda 2018, viceversa con la moto “maggiorata”. Secondo indiscrezioni, in occasione della gara Motegi, avrebbe visitato nuovamente la fabbrica HRC. La casa giapponese è intenzionata ad accontentare le richieste del maiorchino per rilanciare un campione che finora non ha espresso il suo potenziale. Presumibile che testerà un nuovo telaio, un diverso bilanciamento e una geometria differente per migliorare il feeling con l’avantreno. Identica richiesta avanzata da Marc Marquez che vorrebbe ridurre al minimo il rischio di cadute.

Dissipati i dubbi estivi Jorge Lorenzo sa di giocarsi una porzione importante del suo futuro. Il mercato piloti ufficiosamente aperto non lascia molte valide alternative per puntare nuovamente al Mondiale. Soprattutto se prendiamo per buone le dichiarazioni di Gigi Dall’Igna, secondo cui il maiorchino non rientrerebbe più nelle strategie Ducati. Allora mente e cuore saranno rivolti ad un secondo tentativo in sella alla Honda. E il giusto modo per riprovarci sarebbe quello di dare un contributo seppur minimo alla conquista della Triple Crown. Sarebbe un buon viatico per ricominciare una nuova avventura tra un campione e il team iridato di MotoGP.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Massimo Rivola

MotoGP, Rivola: “Iannone ed Espargaró? Normale parlino con altri team”

fabio di giannantonio

ESCLUSIVA Fabio Di Giannantonio: “Devo diventare più costante”

Valentino Rossi e Lewis Hamilton

Lewis Hamilton: “Il test con Valentino Rossi mi rende nervoso”