Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Rossi o Marquez… nessuno mi influenza”

Jorge Lorenzo attende un passo avanti dai tecnici Honda sul prototipo 2020. Nessun tipo di influenza dal compagno di box, che sia Marquez o Valentino.

9 ottobre 2019 - 11:33

Pesano come un macigno i 54 secondi di distacco con cui Jorge Lorenzo ha tagliato il traguardo al Buriram. Il pentacampione si ritrova in un vicolo cieco, forse in cuor’ suo pensa di aver preso la decisione sbagliata a scegliere la Honda. Ma è un pensiero che non potrà mai svelare in pubblico, almeno per il momento. L’infortunio di Assen ha complicato una situazione già difficile. La caduta al Montmelò era un primo campanello d’allarme, ma la RC213V impone di spingere al limite per poter elargire grandi soddisfazioni.

L’adattamento alla Honda risulta impossibile con questa specifica di motore. Ogni percorrenza di curva si trasforma in un rischio per Jorge Lorenzo, da qui la perdita di decimi preziosi. Che a fine giro si traducono in 1 o 2 secondi in più rispetto al crono di Marc Marquez. L’indice è puntato sul motore introdotto nei test precampionato. “Avevo dato delle istruzioni, ma probabilmente era troppo tardi, perché l’intenzione della Honda era di continuare con quel motore che avevano costruito. Marc ha saputo adattarsi – ha spiegato a Motorsport.com – e ha trovato un modo per contrastare quei deficit“.

LORENZO AVANTI PER LA SUA STRADA

Basta poco per ritornare ai livelli che gli competono, ma il primo passo dovranno farlo i tecnici HRC al momento di pianificare il prototipo 2020. Durante il viaggio in Giappone agli inizi di giugno non ha dato indicazioni solo di natura ergonomica, ma anche suggerimenti per migliorare la Honda del prossimo anno. “Se quei cambiamenti funzioneranno o meno non lo so. Ma l’intenzione è di metterli in pratica, lo hanno confermato“. Bisognerà fare sempre i conti con il campione del mondo e attendere la sua approvazione, soprattutto in considerazione che c’è un contratto da rinnovare e la casa nipponica non deluderebbe mai le sue richieste.

Per Jorge Lorenzo è stata un’estate difficile, disseminata di dubbi a causa dei pessimi risultati. Nascondere un minimo dialogo con Ducati sembra impossibile, ma adesso c’è la ferma convinzione di andare avanti. La presenza di Marc Marquez nel box non influisce troppo sul rendimento, abituato in passato a condividere l’ambiente con Valentino Rossi. Chi dei due gli ha reso la cose più difficili? “Nessuno di loro. Sono sempre stato abbastanza forte da concentrarmi solo su me stesso e sul mio lavoro. Ciò che il mio compagno di squadra dice o fa non mi ha mai influenzato. Entrambi sono grandi vincitori e non concedono nulla al loro partner. Anch’io sono così“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Iannone e Aleix Espargaro

MotoGP, Aprilia punta al team satellite: “Bisogna convincere Piaggio”

jordi torres

MotoE: Il team Pons schiera Jordi Torres nel 2020

motoe 2019

MotoE, il calendario 2020 definitivo: via Le Mans, torna Valencia