MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Ora non chiederanno più di Joan Mir”

Jorge Lorenzo si congratula con Joan Mir per la sua prima vittoria che lo proietta verso il titolo MotoGP 2020: "Congratulazioni, te lo meriti".

8 novembre 2020 - 22:02

Non molti giorni fa Jorge Lorenzo aveva ammesso di fare il tifo per Joan Mir. Adesso che è arrivata la prima vittoria del connazionale, dopo una stagione MotoGP costantemente al top, il titolo mondiale è ormai vicino. Fra una settimana potrebbe già confermarsi campione e riportare la Suzuki negli annali di storia del motociclismo dopo un ventennio.

37 punti di vantaggio sugli inseguitori dopo il GP d’Europa e un passo gara formidabile, inarrivabile per chiunque. Comprese quelle Yamaha che ad inizio campionato sembravano super favorite. Si sono dovuti arrendere i vari Vinales, Quartararo e Morbidelli, alle prese con una YZR-M1 che necessita di potenza e grip al posteriore. E nel tentativo di colmare le lacune ha perso anche la sua agilità in curva che lo contraddistingueva fino ad un anno fa. A nulla è servito l’arrivo di Jorge Lorenzo come collaudatore, complice anche un’emergenza Coronavirus che ha annullato la tabella di lavoro. Ma è pur vero che KTM ha continuato a lavorare e progredire. E attualmente è già al lavoro sulla MotoGP 2021.

Joan Mir sarebbe il sesto campione nella storia della Suzuki, dopo Barry Sheene, Marco Lucchinelli, Franco Uncini, Kevin Schwantz e Kenny Roberts Jr. Ha compiuto un lavoro in sordina, lontano dai favori del pronostico di inizio Mondiale, in continua progressione dopo il primo podio di Brno. Una valanga che diventava sempre più grande con il passare dei GP. La prima vittoria è sfumata in Austria, dopo la bandiera rossa. Stavolta non c’è stato scampo neppure per il compagno di squadra partito dalla prima fila. Incassa match point per il titolo MotoGP e le congratulazioni di Jorge Lorenzo. “Quando le persone mi chiedevano se Joan Mir sarebbe un buon campione senza vincere una gara, rispondevo assolutamente di sì. Ora non lo chiederanno più. Congratulazioni Joan Mir, te lo meriti“. Dichiarazioni sincere da un nativo di Maiorca e da ormai ex uomo Yamaha.

1 commento

fabu
9:19, 9 novembre 2020

Piu che “a nulla è servito l’arrivo di Jorge Lorenzo come collaudatore” sarebbe giusto dire “come collaudatore Jorge Lorenzo non è servito a nulla”.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “C’è chi va in pensione e chi è troppo vecchio”

MotoGP, la storia: Jarama, sede del GP di Spagna e non solo

Tatsuki Suzuki Moto3

ESCLUSIVA Tatsuki Suzuki: “Superpole in Moto3? Solo se…” (Parte 1)