MotoGP, Pol Espargaro

MotoGP, Jorge Lorenzo mette a nudo la Honda: ecco i punti deboli

Jorge Lorenzo esamina la prima giornata di prove libere MotoGP a Losail. L'ex pilota mette a nudo la Honda RC13V svelando i punti deboli.

26 marzo 2021 - 20:45

Jorge Lorenzo ha inaugurato il suo nuovo programma ’99Seconds’ sul suo canale Youtube. Nella prima puntata l’ex pilota MotoGP ha passato in rassegna i vari marchi e poi concentrato l’attenzione sulla Honda. La casa dell’Ala dorata inizia la stagione 2021 senza il suo fuoriclasse Marc Marquez. Ci prova Pol Espargarò a trainare il carro HRC piazzandosi 10° nelle FP2, unica RC213V in top-10. “Per me la Honda senza Marc è come il Barca senza Messi. Nel calcio ci sono 10 giocatori in più, su quello motociclistico, il che rende la mancanza di Marc per la Honda molto più importante di una presunta mancanza di Messi“.

L’avantreno della RC-V

Il neo arrivato Pol Espargarò inizia ad adattarsi al prototipo giapponese, su cui molto ha lavorato Stefan Bradl durante l’inverno. Jorge Lorenzo ricorda che la Honda “ha un ottimo motore, è la seconda più potente in griglia dopo la Ducati. La moto gira molto bene sui circuiti del Sachsenring o di Phillip Island dove sei piegato a lungo“. Ma la RC-V ha anche i suoi punti deboli. “Ha quella poca stabilità all’avantreno, quella poca fiducia in certe situazioni è un handicap per il pilota. Almeno lo è stato fino a poco tempo fa quando io guidavo“. Promosso a pieni voti il minore dei fratelli Espargarò. “Ha una guida super aggressiva, soprattutto in frenata, rischiando sempre molto, anche cadendo molto, è stato uno dei piloti che è caduto di più, ma sempre molto veloce“.

L’elettronica della Honda

C’è ottimismo sulla sua prima stagione in MotoGP con Honda. Servirà un po’ di tempo per adattarsi ad una moto difficile per natura, ma i risultati arriveranno. “L’anteriore ha poca stabilità, a volte non ti avvisa e ti ritrovi a terra ad alta velocità senza sapere perché. È successo a me e a tanti piloti, quasi tutti quelli che hanno corso con lei“. Un altro problema della RC213V risiede nell’elettronica. Troppi gli ‘highsides’ tra i piloti del marchio. “E’ l’unica della MotoGP che ultimamente riscontra problemi, cosa che non è usuale con tutta l’elettronica che c’è in MotoGP. Forse l’elettronica è meno sofisticata di altri marchi, non lo so, o perché usano meno elettronica. Devi essere consapevole – conclude Jorge Lorenzo – che riporterai cadute e infortuni“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
12:17, 27 marzo 2021

Ma cos diavolo ne può sapere JL della Honda di oggi … velo dico io … NIENTE !

POTRESTI ESSERTI PERSO:

danilo petrucci motogp

MotoGP, Petrucci: ultimo GP in casa e le ipotesi Dakar-MotoAmerica

motogp luca marini

MotoGP, Luca Marini: “Proverò a stare coi primi, posso imparare molto”

bagnaia motogp

MotoGP, Bagnaia: “Quartararo indietro? Devo spingere come se fosse 2°”