MotoGP, Jorge Lorenzo a Dubai

MotoGP, Jorge Lorenzo: “L’età pesa, anche se ti chiami Valentino Rossi”

2 aprile 2021 - 12:56

Da qualche settimana Jorge Lorenzo si trova in ​​un Beach Club di Dubai. Dopo una grande carriera in MotoGP si gode la vita fra relax e nuovi progetti professionali. Ha inaugurato un programma che va in onda su YouTube, ’99 seconds’, per commentare il prima e il dopo dei week-end di gara. Nelle settimane in cui non ci sono Gran Premi promuoverà contenuti di approfondimento con interviste a tecnici, piloti e addetti ai lavori. E non manca mai di trattare argomenti “scottanti” come Valentino Rossi, Marc Marquez, i suoi progetti futuri.

Il ritorno di Marc

In un’intervista ad ‘Auto Bild’ il pentacampione analizza l’inizio della nuova stagione, ancora una volta priva del suo protagonista principale Marc Marquez. Il suo ritorno sembra imminente, ma saprà essere da subito quello di un anno fa? “Penso che sarà epico. Spero che il suo braccio sia al 100%, ma non sarà facile. Mai nella storia un pilota ha perso un’intera stagione ed è tornato. La situazione di Marc è molto difficile. Tutti i rivali sono in sella, vincono gare, si rafforzano, e lui non può: passa di operazione in operazione, e quando sembra che stia per tornare, le cose si complicano… Penso che vedremo un Marquez più consapevole del rischio, più regolare e più concentrato a fare punti per il campionato“.

Capitolo Valentino Rossi

Un argomento che non manca mai nelle sue interviste è quello relativo a Valentino Rossi. Uno dei suoi rivali storici più tosti, compagno di sfide storiche. Alla vigilia di questo campionato MotoGP, Jorge Lorenzo si è detto ottimista nel rivederlo sul gradino più alto del podio. La sua visione non cambia dopo 12° posto nella gara di esordio a Losail. “Non ha iniziato nel migliore dei modi. Ha sorpreso tutti in qualifica perché non aveva avuto un buon ritmo. Ha approfittato molto bene di Pecco Bagnaia. Ma alla fine, in una gara di 45 minuti, se non hai un ritmo giro per giro, finiscono per sorpassarti e tu rimani indietro. Ecco perché è arrivato dodicesimo. In MotoGP tutto può cambiare, anche nella seconda gara in Qatar. Inoltre ci saranno circuiti che saranno migliori per Valentino Rossi e dove penso che potrà lottare per il podio o per la vittoria“.

Gli avversari storici

Nella sua lunga carriera in MotoGP ha affrontato e vinto contro grandi campioni. Difficile indicare chi sia stato il più talentuoso. “Sono riuscito a batterli tutti. Nel 2015 sono arrivato davanti a Marc, nel 2010 e negli altri anni ho battuto Valentino e anche  Stoner. Tutti possono essere battuti, anche se è molto difficile farlo. Non importa quanto tu sia Valentino, non importa quanto tu sia Michael Jordan o Maradona, l’età finisce per farti sentire a disagio e a poco a poco perdi i riflessi. Inoltre cominci ad avere paura delle cadute. Valentino non è lo stesso pilota di quando aveva 25 o 30 anni. Marc era nel fiore degli anni prima dell’infortunio, ora dovremo vedere come torna. E Stoner era un talento puro“.

Il nuovo lavoro

Dopo la breve esperienza come collaudatore Yamaha, Jorge Lorenzo sembra aver detto definitivamente addio al ritorno in MotoGP. Il suo lato professionale è rivolto agli investimenti. Forte di un patrimonio che ha accumulato con il motociclismo. “Voglio conoscere il mercato azionario o diverse forme di investimento. In questo momento sono abbastanza concentrato su questo. Non è un mondo facile, perché devi fare le cose con attenzione e avere molta testa. Fondamentalmente voglio provare a trarre vantaggio dalla vita. Credo che la mia missione, egoisticamente, sia cercare di fare quello che voglio in ogni momento e godermi la vita, rispettando sempre gli altri e cercando di aiutare“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Enea Bastianini e Ruben Xaus

MotoGP, il budget fa il gap: Enea Bastianini stile Robin Hood

MotoGP, Marc Marquez a Misano

MotoGP, Honda-revolution: Marquez apre la strada, Espargarò in bilico

Superbike, Toprak Razgatlioglu

MotoGP, Toprak Razgatlioglu pronto per un test con la Yamaha