MotoGP: Jorge Lorenzo e il serbatoio, la Honda ha imparato la lezione

Il maiorchino ha ricevuto il nuovo componente in una settimana. In Ducati ci hanno messo un anno e mezzo...

29 novembre 2018 - 8:21

La posizione di guida è un fattore importante per l’efficienza della guida. Puoi avere u un’elettronica all’avanguardia o un telaio sublime, se non sei comodo non ti senti veloce. Pensavamo che questo aspetto fosse secondario, poi il caso di Jorge Lorenzo in Ducati ci ha fatto capire che i componenti che influiscono su una corretta posizione di guida possono risultare decisivi. Appena gli ingegneri della Rossa lo hanno accontentato, il cambio di ritmo e di risultati è stato evidente (qui i tempi della prima giornata di test)

Il problema è che Ducati ha impiegato un anno e mezzo a convincersi che Lorenzo aveva ragione a chiedere di lavorare sul serbatoio, la Honda ha imparato la lezione e ha portato un componente personalizzato per la struttura fisica di Jorge una settimana dopo la prima uscita di Valencia. Anche in questo frangente il risultato è stato immediato. Lorenzo ha concluso la prima giornata con il settimo tempo, ottenuto con la RC213V equipaggiata dal nuovo telaio, con il passaggio del condotto dell’aria in posizione centrale. Il matrimonio fra Jorge e la Honda non sembra nato così male…

Leggi qui l’articolo originale su Paddock-GP

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Tito Rabat

MotoGP Misano/2: analisi e commenti delle FP1, dilemma Rabat-Marini

bastianini moto2

Moto2, Misano-2: Prove 1, Enea Bastianini quasi da record

Quartararo MotoGP

MotoGP, Misano-2: Prove 1, Quartararo-Morbidelli in evidenza