MotoGP: Jorge Lorenzo e il rimorso Ducati. Pirro: “Era meglio averlo con noi”

Ducati non può nascondere un certo rimorso per essersi lasciata sfuggire Jorge Lorenzo. Il tester Michele Pirro ammette: "E' una grossa perdita".

22 giugno 2018 - 7:44

Al Mugello ha piantato la sua bandiera nella ghiaia difronte alla tribuna Ducati, al Montmelò ha sfoggiato il martello con cui ha bacchettato gli uomini del suo team. Jorge Lorenzo vince e conquista il pubblico, ma il matrimonio con la casa di Borgo Panigale ha i giorni contati e sicuramente qualcuno starà rimuginando sul passato, perché l’amore è sbocciato quando la firma del divorzio era ormai irreversibile. Dopo tanti cambiamenti, comparazioni di telaio durante l’inverno, geometrie e bilanciamenti differenti, prove aerodinamiche disparate, il maiorchino ha trovato la retta via per imbattersi verso il titolo mondiale, ma sarà un’avventura con il conto alla rovescia.

Troppe le voci di mercato anticipato, troppo pesante il giogo dell’ingaggio plurimilionario che reclamava risultati in tempi più rapidi. Jorge Lorenzo non ha voluto correre il rischio di un anno sabbatico o di finire su un team satellite e ha voluto scommettere su una sella come la Honda altamente competitiva ma altrettanto difficile da gestire sapendo che nell’altro angolo del box ci sarà il fenomeno Marc Marquez che rappresenterà comunque l’epicentro dello sviluppo della RC213V. Al di là del futuro, in casa Ducati c’è già qualcuno che mette in risalto l’errore dei vertici manageriali. “Da una parte sono felice che ora Jorge riesca ad esprimere il suo talento con la nostra moto. Dall’altra mi dispiace perché alla fine è arrivato con qualche settimana di ritardo e questo ha fatto sì che le strade si divideranno – ha ammesso Michele Pirro a motogp.com -. Credo che per Ducati sia una grossa perdita. Diamo un pilota forte alla concorrenza ed era meglio averlo con noi che come avversario”.

E se Claudio Domenicali ha sbandierato una cinica mancanza di pazienza decisionale promettendo una moto vincente e aggiornata fino a Valencia, Gigi Dall’Igna ha espresso maggiormente una nota malinconica per la firma di Lorenzo con HRC: “Dispiace sempre perdere dei campioni, nella mia carriera è successo tante volte di doverlo fare, fa parte del lavoro e della vita, sicuramente dal punto di vista umano mi dispiace”. Paolo Ciabatti, dopo la vittoria del Mugello, aveva anticipato il destino: “E’ vero che probabilmente questa vittoria, per quanto bellissima, sia arrivata un po’ tardi per tutti e due”, ma probabilmente quella in Catalunya è stata una bel pugno psicologico. Dall’esterno del box è Max Biaggi a mettere il dito nella piaga: “Che errore enorme per la Ducati lasciarsi scappare Jorge Lorenzo”. Un errore che inizierà a far sentire il suo peso nella prossima stagione. Per adesso meglio non pensarci e godersi il momento d’oro.

 

MES Experience a Franciacorta: tutte le info utili

SBK Misano: i biglietti e le offerte disponibili

MXGP Videopass: prezzi e offerte disponibili

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Paolo Ciabatti risponde ad Alberto Puig: “Vuole creare polemiche”

Baldassarri o Gardner in Avintia, Tito Rabat verso la Superbike

Walderstown fatale a Darren Keys