MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Devo parlare con Yamaha per il futuro”

Jorge Lorenzo dispiaciuto per non poter partecipare come wild card nella stagione 2020 di MotoGP. Adesso bisogna decidere il futuro con Yamaha.

14 maggio 2020 - 13:58

Jorge Lorenzo se lo immaginava, ma la conferma è comunque un duro colpo. Nella prossima stagione MotoGP non saranno ammesse wild card, quindi il maiorchino dovrà rinunciare al suo sogno di tornare in gara con la Yamaha M1. Almeno per il 2020. L’emergenza Coronavirus penalizza tutti, compresi i grandi campioni. La sua prima stagione da collaudatore non la dimenticherà di certo, appena un paio di uscite a Sepang. E chissà se la casa di Iwata lo impiegherà per qualche test privato, lontano dai riflettori, nonostante il congelamento di motore e aerodinamica fino al 2021 compreso.

TEST DI MOTEGI ANNULLATO

Aveva scelto il circuito di Catalunya per il suo ritorno in pista “part time”, ma Dorna è costretta a ridurre all’osso il numero di persone presenti nel paddock. Senza dover guardare in faccia nessuno. E’ la conditio sine qua non per salvare un campionato MotoGP che fino ad un mese fa sembrava utopia. “È un peccato perché volevo davvero tornare a correre con la Yamaha al Montmeló e non potrò farlo“, ha detto ad ‘AS’. “Ma era anche chiaro che volevo farlo in buone condizioni“. Per poter partecipare come jolly al GP di Catalunya ha chiarito che sarebbe stato necessario effettuare un test propedeutico. Come quello programmato e poi cancellato per il mese di aprile a Motegi.

TRE JOLLY IN PROGRAMMA

Jorge Lorenzo comprende le motivazioni della decisione della Dorna. “L’obiettivo era correre e aiutare Yamaha con quattro giorni di sessioni di allenamento quasi consecutive, per fornire loro tutte le informazioni possibili. Inoltre, sarebbe scoraggiante farlo senza un pubblico, anche se in buone condizioni“. Non era certo l’unica wild card pianificata con Yamaha, a dimostrazione che un pensierino sul ritorno alle gare iniziava a farlo. Il Montmelò “era il circuito che avevamo scelto con Yamaha, ma Misano e Motegi sarebbero state altre buone piste per riapparire“. Adesso bisognerà capire quale sarà il suo destino per il 2021. “Devo parlare di nuovo con Yamaha per vedere se continueremo a lavorare insieme il prossimo anno nel team di test“. Da escludere il ritorno alle gare per la prossima stagione MotoGP. “Al momento è qualcosa di molto improbabile“.

2 commenti

ren_balestr_12909216
10:41, 15 maggio 2020

Mmmm

ren_balestr_12909216
10:40, 15 maggio 2020

Mmm

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez e Valentino Rossi

Valentino Rossi o Marc Marquez? La scelta di Lucio Cecchinello

KALEX Moto2

Moto2, la tecnica: il dominio del telaio KALEX

MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, Tardozzi: “Jack Miller-Ducati, vicini ad una decisione”