MotoGP, Jorge Lorenzo e Andrea Iannone

MotoGP, Jorge Lorenzo-Aprilia si può fare: “Sarei il coach di Iannone”

Jorge Lorenzo apre all'ipotesi di collaudatore Aprilia per la prossima stagione MotoGP. E spera in una collaborazione utile con Andrea Iannone.

30 ottobre 2020 - 20:37

Tra Aprilia e Jorge Lorenzo l’affare si può fare. Il tre volte campione MotoGP lancia una sorta di ultimatum a Yamaha e conferma le voci dei giorni scorsi. La casa di Noale vuole pensare in grande per portare avanti lo sviluppo della RS-GP. Come KTM che ha ingaggiato Dani Pedrosa, il marchio italiano necessita di un pilota di grande esperienza per progredire.

Rapporto con Yamaha al capolinea

In un’intervista allo spagnolo ‘AS’ Jorge Lorenzo, che ha un contratto con la casa di Iwata fino al 31 dicembre 2020, afferma che Yamaha resta la prima opzione. “Sto aspettando di sapere“, ma “ci sono altre opzioni“. I vertici giapponesi ancora non hanno preso una decisione, ma forse a breve potrebbero annunciare la firma di Andrea Dovizioso. Nel corso di questa stagione MotoGP il maiorchino ha effettuato appena due test. “Non sanno come usarmi. È come se una squadra di calcio avesse Messi o Ronaldo e non ne approfittasse“.

Valentino Rossi aveva chiesto maggior impegno in moto, per portare avanti l’evoluzione della M1. Jorge Lorenzo risponde indirettamente a quelle dichiarazioni. “A giugno, quando eravamo nel bel mezzo del Covid, Yamaha mi ha detto che non ci sarebbero più stati i test. Quindi ho abbassato il ritmo degli allenamenti, perché non sapevo cosa avrei fatto l’anno successivo“. A Portimao ha tenuto l’ultimo test con un prototipo 2019, ma ha girato 2 secondi più lento degli altri collaudatori. Tra l’altro senza montare la gomma soft nel finale a causa dell’arrivo della pioggia. “Sarebbe ingiusto e un grosso errore prendere come riferimento solo quello che è successo a Portimao. Soprattutto sapendo qual è il mio passato con il marchio e le mie prestazioni a Sepang all’inizio dell’anno“.

Aprilia ipotesi possibile

Yamaha sembra intenzionata a chiudere la collaborazione con Jorge Lorenzo. A quel punto Aprilia sarebbe un’alternativa interessante. Un ritorno alle origini, all’esordio con una Derbi, ai due titoli con il marchio di Noale nella classe 250cc. E potrebbe nascere un’interessante collaborazione con Andrea Iannone, dato che entrambi abitano a Lugano. “Potrei essere un po’ una guida o un coach. Lo aiuterei a migliorare le sue prestazioni e ad andare più veloce“. La speranza è di tornare a mettersi in gioco in MotoGP come wild card. “Lascerei la porta aperta al massimo dei jolly che la fabbrica può fare. Lotterò per contratto per avere quella possibilità“.

1 commento

marcogurrier_911
21:54, 30 ottobre 2020

Aaaaahhh si. Adesso siamo a posto

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Alex Briggs

Alex Briggs, ultimo saluto a Valentino Rossi e alla MotoGP (o forse no)

MotoGP, Gigi Dall'Igna

MotoGP, Gigi Dall’Igna: “Siamo stati bene con Andrea Dovizioso”

binder motogp

MotoGP, Brad Binder: “Chiedo scusa al team per i tanti errori”