MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Johann Zarco: “Valentino Rossi è potente e attira le persone”

Johann Zarco al centro di varie polemiche sin dall'esordio in MotoGP nel 2017. Il pilota Pramac ricorda la diatriba con Valentino Rossi dopo la gara in Austria del 2020.

2 luglio 2021 - 7:57

Johann Zarco è uno dei piloti della MotoGP più coinvolti nelle polemiche post gara. La più recente risale ad Assen, quando Alex Rins lo ha accusato di averlo spinto fuori pista con una manovra troppo azzardata. Ma è solo l’ultimo di una lunga lista da quando ha esordito nella Top Class nel 2017 con Yamaha Tech3. Tra le prime diatribe verbali quella con Valentino Rossi nel 2017 in Olanda, dopo aver raccolto il suo ultimo successo. “Comincio a pensare che Zarco non sappia sorpassare“.

L’episodio del Red Bull Ring

Nella stagione MotoGP 2020 il campione di Tavullia ha aizzato il fuoco durante la prima gara in Stiria. In quella circostanza il francese si rese autore di un sorpasso troppo aggressivo ai danni di Franco Morbidelli, con la Ducati impazzita che sfiorò Maverick Vinales e Valentino Rossi. “Non voleva farsi superare in staccata e appositamente gli ha frenato davanti. E’ un matto scatenato, non è nuovo a certe cose“. Zarco rimediò la frattura dello scafoide e nella gara successiva fu costretto a partire dalla pitlane. In una chat di Twitch con Canal + Sport France, l’alfiere del team Pramac Racing ha rivisitato il suo rapporto con Valentino Rossi. “Per fortuna ero in Italia per sottopormi all’intervento al polso. Non ho seguito molto cosa è successo ma avevo una vera sensazione di impotenza. Ovvio che Valentino è potente e attira molte persone“.

Al termine del Gran Premio d’Austria 2020 Johann e il Dottore hanno provato a chiarirsi, ma il veterano è rimasto fermo sulla sua posizione. Da allora poche o nulle le occasioni di dialogo tra i due campioni. “È sempre stato un idolo per me, quindi non ho mai discusso di nulla con lui. L’unica volta che ho parlato con lui è stato il giorno dell’incidente in Austria… Non l’ho fatto apposta, non sono pazzo. Penso che abbia sentito la conversazione, ma non era d’accordo. Ma è stata la migliore conversazione che abbia mai avuto con lui. Per me è ancora un idolo e passare un momento con lui può essere molto piacevole. Inoltre, è un ragazzo molto intelligente, che ama il suo sport e la vita in generale – ha concluso Johann Zarco -. È molto simpatico“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alessandro zaccone motoe

MotoE, Alessandro Zaccone: addio al campionato, ma è andata bene…

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: caccia ad un altro colpaccio, stavolta in casa

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Con Valentino Rossi non c’è lavoro di squadra”