motogp australia

MotoGP, Johann Zarco: “Un grande rischio, ultime gare intense”

Marc Márquez, Andrea Dovizioso, Fabio Quartararo, Valentino Rossi, Jack Miller, Johann Zarco e Iker Lecuona in conferenza stampa: ecco le loro parole.

24 ottobre 2019 - 8:32

Si apre il secondo fine settimana consecutivo di gare: dopo Motegi, c’è Phillip Island, teatro del 17° appuntamento mondiale. Come sempre, prima di entrare in azione, alcuni piloti saranno protagonisti della conferenza stampa inaugurale del giovedì. Presenti l’iridato 2019 Marc Márquez, Andrea Dovizioso, il neo Rookie dell’Anno Fabio Quartararo, Valentino Rossi, Jack Miller e Johann Zarco, al rientro con LCR Honda come sostituto di Nakagami. Si unisce all’ultimo alla truppa anche il pilota Moto2 Iker Lecuona, dal futuro in KTM Tech 3 in MotoGP. Queste le loro dichiarazioni alla vigilia delle prime prove libere.

Marc Márquez è reduce da un nuovo netto successo a Motegi. Il campione del mondo può superare il record di 54 vittorie di Mick Doohan, già eguagliato la settimana scorsa. “Arriviamo da un altro gran weekend, ma l’obiettivo rimane sempre lottare per la vittoria. Questo è un tracciato che devi sentire, con tante curve veloci e grandi rischi. Se non sarà possibile lottare per la vittoria, dovremo puntare al podio. Il tempo imprevedibile, ma noi dobbiamo lavorare come sempre ed arrivare preparati a domenica. Yamaha e Suzuki saranno molto competitivi, ma noi daremo il massimo.”

Andrea Dovizioso vuole consolidare il secondo posto iridato: serve un risultato di peso, su un tracciato però che l’italiano non considera particolarmente favorevole alla Ducati. “Troppo dire che arrivo qui con ottimismo. L’anno scorso hanno disputato una bella gara ed ottenuto un buon podio, ma sarà difficile ripetersi: Marc, le Yamaha e Rins saranno davvero competitivi. Anche a Motegi siamo stati veloci solo a fine gara, dobbiamo lavorarci perché ci sta succedendo troppo spesso. Il meteo sarà come sempre imprevedibile, vedremo cosa succederà e lavoreremo di conseguenza.”

Fabio Quartararo ha avuto poco tempo per festeggiare il titolo di Rookie dell’Anno. Il secondo posto in Giappone ha definitivamente chiuso i conti, ma ora ci sono altri obiettivi più ambiziosi, anche se non dichiarati. “Yamaha si adatta molto bene a questa pista, ma dovremo tenere d’occhio come sempre il tempo. Noi dobbiamo continuare a lavorare come sempre. Mi piace molto questo tracciato ed è particolarmente adatto alla M1. Noi comunque daremo il massimo e sarà sufficiente.”

Valentino Rossi tocca quota 400 GP, un gran risultato, anche se la stagione è nettamente al di sotto delle aspettative. Il pilota di Tavullia cercherà nuovamente una svolta nel corso del fine settimana australiano. “Davvero una lunga strada, non è male raggiungere questo traguardo su un tracciato unico come questo. Pagheremmo per avere sempre un cielo azzurro come quello di oggi, è arrivato troppo presto! In ogni caso puntiamo come sempre a disputare un buon fine settimana.” Riguardo al futuro, “Viviamo in un periodo strano in cui devi pensarci ancora prima di iniziare la stagione. La motivazione però c’è sempre, soprattutto se le cose vanno male c’è voglia di riscatto.”

Jack Miller chiaramente è il più emozionato in questo appuntamento, visto che corre in casa. Scontato dire che l’alfiere Pramac è più che determinato ad ottenere un bel risultato davanti al suo pubblico. “Mi piace tanto venire qui, il circuito è fantastico ed è anche il mio GP di casa. Non importa se guidi una Ducati o una Honda: quando sei qui devi guidare in maniera differente rispetto a tutti gli altri circuiti. Il tempo sarà come sempre una grande incognita. Mi sento bene, abbiamo un buon ritmo e penso che ci sia la possibilità di ottenere un buon risultato.” 

Johann Zarco disputerà gli ultimi tre Gran Premi della stagione con LCR Honda. Un rientro per il francese, appiedato da KTM qualche gara fa dopo un’annata davvero difficile. Il futuro rimane un mistero, ma intanto Zarco si gode il presente. “Il sorriso è tornato, ma è difficile fissare un obiettivo. Questa stagione è stata davvero molto complicato. Finirà la mia storia in MotoGP, saranno le mie ultime tre gare penso per lungo tempo, ma mi ero accorto che volevo solo competere. So di aver preso un grosso rischio, ma vivrò questo periodo con intensità.”

Iker Lecuona infine è presente perché protagonista di un grande annuncio: sarà lui il secondo pilota Tech 3 nel 2020, con Binder spostato nel team ufficiale KTM. “Pazzesco essere qui oggi. Di certo questa per me è una grande occasione, avrò l’opportunità di condividere la pista con i ‘grandi’ come Marc o Valentino, piloti che avevo solo guardato alla TV. Non vedo l’ora di correre assieme a loro. Voglio ringraziare sentitamente KTM e la squadra per questa nuova sfida.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Dovizioso e Miller danno il benvenuto a Zarco

fenati test privati jerez

Moto2-Moto3: La pioggia pone fine ai test a Jerez

Andrea Iannone a Valencia

MotoGP, Andrea Iannone spegne l’incendio: “Giri motore troppo alti”