johann zarco motogp

MotoGP, Johann Zarco sulla scia della “fiducia” Ducati ad Austin

Johann Zarco soddisfatto del feeling al braccio dopo il venerdì di libere ad Austin. Sottolineando poi l'ottima partenza dei piloti Ducati.

2 ottobre 2021 - 11:59

Ottavo miglior crono nella prima giornata MotoGP ad Austin, un primo buon test per il suo braccio destro recentemente operato. Johann Zarco si dichiara soddisfatto del feeling dopo aver provato sia sull’asciutto che sul bagnato su una pista complicata dal problema delle buche. Non manca appunto di evidenziare questo fatto, che ha fatto storcere il naso tra gli altri a Martín ed a Bagnaia, meno a Miller. Ma nonostante tutto ci sono cinque rosse (su sei totali) provvisoriamente in top ten, certo un buon segnale.

“Sono piuttosto contento. La prima sessione sul bagnato è servita per prendere qualche riferimento su una pista così impegnativa a due anni dall’ultima volta.” Sottolineando che “Ho potuto anche provare il braccio in queste condizioni ed è andata bene.” Stesso discorso poi nel pomeriggio texano su un tracciato asciutto. “Ho avvertito un po’ di dolore all’inizio, in seguito non più.” Riguardo la superficie della pista, “È piuttosto complicata, ricca di buche. Questo è un po’ un inghippo: quando vuoi stampare un buon tempo devi forzare molto.”

Ma nel complesso appunto si dichiara soddisfatto di questo inizio di Gran Premio, a poco più di una settimana dall’operazione per risolvere la sindrome compartimentale all’avambraccio destro. Senza la quale sarebbe stato un bel problema su un tracciato così fisico. “Sì, decisamente” ha infatti confermato il pilota francese di Pramac Racing a motogp.com. “Certo la vera prova l’avremo domenica in gara, ma aver avuto l’intervento ed essere già in grado di guidare così è un ottimo segnale.”

Truppa rossa all’attacco

Come accennato inizialmente, troviamo ben cinque piloti Ducati in top ten dopo la prima giornata. Da vedere cosa succederà nelle FP3, ma sicuramente è una partenza incoraggiante. “Credo che la potenza ci stia aiutando tanto” ha commentato Zarco. Aggiungendo anche che “Tutti i ragazzi Ducati ora conoscono meglio la moto.” Analizza poi i colleghi di marca. “Bastianini ha grande fiducia dopo il podio a Misano. Martín è davvero rapido, oltre al fatto che dopo gli zeri di Silverstone e Misano è affamato e vuole portarsi al top in ogni sessione. Per Miller poi le buche non sono un problema e gli piace questa pista, così come a Pecco.” In breve, “Tutti i piloti Ducati sono carichi ed anche io devo ritrovare queste sensazioni. Meglio avere le rosse davanti rispetto ad altre moto!”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo e Marc Marquez

MotoGP, Quartararo-Marquez: Honda sogna il nuovo ‘dream team’

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Aleix Espargarò pilota senza bandiera: “Non sono indipendentista”

Superbike, Jonathan Rea

MotoGP, Jonathan Rea: “Grazie a Valentino Rossi”