johann zarco motogp

MotoGP, Johann Zarco: “Per seguire Viñales ho chiesto troppo alle gomme”

Johann Zarco mette a referto una gara solida ed il primo podio assoluto in Qatar. Beffando Mir sul finale: "Abbiamo sfruttato i nostri punti forti."

28 marzo 2021 - 22:28

“Il primo podio in tutte le categorie a Losail, sono davvero contento.” Bastano queste poche parole per descrivere la grande soddisfazione di Johann Zarco alla fine di questa prima gara MotoGP del 2021. Il pilota Pramac, dopo una partenza memorabile (4 Ducati davanti alla prima curva!), ha condotto una gara molto solida. Con anche un guizzo finale in una battaglia con Bagnaia e Mir per le restanti posizioni del podio, dopo la fuga di Viñales. Un punto di partenza, come lo descrive lui stesso, per migliorare costantemente, a partire dal prossimo Gran Premio sempre in Qatar.

“Pecco è andato subito davanti, ho cercato superare presto Miller, ma anche Martín che era davvero partito alla grande.” Zarco ricorda così la partenza, come detto con un netto dominio Ducati nelle prime curve e non solo, anche per un buon numero di giri. “Dietro a Pecco sono riuscito a mantenere un ottimo ritmo” ha continuato il pilota francese. “Ho cercato di controllare per poi riuscire a fare bene a fine gara.” In seguito però è arrivato Viñales. “Ho capito presto che aveva un certo vantaggio. Quand’è passato davanti ho cercato di seguirlo, ma lui ha alzato il ritmo. Ho chiesto troppo alle gomme e mi si è complicato il finale.”

Rischiando di perdere il podio anche contro un Mir in rimonta ed un Bagnaia in risalita dopo un calo negli ultimi 10 giri. “Mir mi aveva superato nelle ultime curve, ma grazie alla moto sono riuscito a stargli davanti. Abbiamo sfruttato i nostri punti forti.” Discorso valido sia per lui che per il compagno di marca, con una aggiunta di quest’ultimo. “Siamo usciti perfettamente dalla curva e Mir era andato largo. Era impossibile non passarlo.” Lasciando ai piedi del podio il campione in carica. Come detto, una grande soddisfazione per Zarco. “È il primo podio in assoluto a Losail” ha sottolineato infatti l’ex bicampione Moto2. “E so che moto e team hanno il potenziale per vincere.”

Ma cos’è mancato per questo obiettivo? “La capacità di seguire Maverick alla fine, oltre a qualche decimo in più.” S’è parlato tanto di consumo delle gomme, un aspetto che non preoccupa il pilota Pramac. “Le informazioni prese in questa gara saranno importanti. Possiamo migliorare come guida, oltre ad altre piccole cose per fare meglio in gara. Ma questo è un punto di partenza ed è davvero buono, una bella gara che dovremo cercare di ripetere.” Un cambio con la Yamaha di Viñales? “No grazie, ho già guidato la M1…” Ma c’è qualcosa che vorrebbe studiare della moto del rivale. “L’entrata ed uscita di curva.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
17:42, 29 marzo 2021

Zarco mi conferma quanto già espresso in altri post.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp austin cota

MotoGP, il circuito di Austin ed i lavori necessari per il GP 2022

MotoGP: arriva la Suzuki GSX-RR del titolo 2020… in miniatura

Jorge Lorenzo MotoGP

Jorge Lorenzo: test con la Porsche GT3, mano tesa a Valentino Rossi