MotoGP, Johann Zarco: “Bayle mi aiuta a non autodistruggermi”

Johann Zarco non sta vivendo un momento facile in KTM. Jean-Michel Bayle lo sta aiutando dal punto di vista mentale, per affrontare meglio la situazione.

22 giugno 2019 - 6:10

Il passaggio da Monster Yamaha Tech 3 (ora Red Bull KTM Tech 3) a Red Bull KTM Factory non è stato indolore per Johann Zarco. Il pilota francese sta vivendo un momento delicato, che ha portato anche a moti di particolare nervosismo, come le poco lusinghiere parole utilizzate verso la RC16 a Jerez. Dopo quell’episodio, che ha mandato su tutte le furie il CEO KTM Pierer, Zarco ha deciso di affidarsi all’ex pilota 500cc Jean-Michel Bayle, affinché lo aiutasse a gestire meglio mentalmente questo momento.

Sembra infatti ci siano dei miglioramenti da questo punto di vista. Lo stesso pilota di Cannes parla di una ‘nuova prospettiva’. In particolare, accantonare per il momento l’idea di puntare alle prime posizioni, cercando piccoli ma costanti progressi. “Il maggior aiuto che posso avere è capire come affrontare questa difficile situazione” ha dichiarato Johann Zarco. “Ho compreso meglio il programma, a che punto è il progetto KTM in campionato, oltre ad accettare il fatto che non posso vincere nell’immediato.”

“Bayle mi sta aiutando a guardare la situazione da un punto di vista diverso, facendo qualche passo indietro. Così va meglio, mi aiuta a non autodistruggermi.” Una visuale che sembra fare bene al francese, che non ha più ripetuto il gesto di stizza visto in Spagna. “Anche a Barcellona [Bayle] mi ha ripetuto che è bello puntare a vincere, ma che non ci devo pensare adesso. Non devo dimenticarlo, solo accantonarlo per un po’. Se al momento pensassi solo a stare con i migliori, mi ammalerei.”

In ogni caso in Catalunya è arrivato il miglior piazzamento stagionale, un 10° posto. “Diciamo che sono caduti quattro piloti che normalmente sono davanti. Ho guadagnato così quattro posizioni. Sono stato contento di vedere il gruppo di testa e ho pensato di provare a prenderli, ma non avevo abbastanza velocità.” Zarco però la prende con filosofia: “Almeno c’è stato un momento in cui sono riuscito a vederli.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ktm test motogp valencia

MotoGP, Spy Attitude: KTM, innovazione continua per il 2020

MotoGP, Andrea Iannone e Aleix Espargaro

MotoGP, Aprilia punta al team satellite: “Bisogna convincere Piaggio”

jordi torres

MotoE: Il team Pons schiera Jordi Torres nel 2020