MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Joan Mir: rabbia contro Race Direction e Maverick Vinales

Joan Mir al comando in gara-1, ma al ritorno in pista scivola 4°. Il pilota Suzuki punta il dito contro Vinales e la mancata sanzione a Pol.

24 agosto 2020 - 7:52

Joan Mir era su tutte le furie al termine della gara MotoGP in Stiria. Prima della bandiera rossa era in testa, al rientro in pista è subito scivolato in seconda, poi in terza, fino alla quarta posizione finale. Un tracollo di gomme e psicologico che lo porta a scagliarsi contro Maverick Vinales e i commissari di gara.

Il pilota Suzuki non capisce il motivo per cui Vinales abbia continuato la gara fino al 13° giro, dato che riscontrava problemi già dopo i primissimi giri. E voleva anche, a ragione, che Pol Espargarò venisse sanzionato per aver transitato sul green all’ultima curva prima del traguardo. “Non ho molto da commentare su questa gara, perché abbiamo visto tutti. È stato un peccato, perché mi sentivo molto bene e abbiamo avuto un weekend perfetto, ma oggi non era la nostra giornata. Abbiamo dimostrato di essere pronti per vincere, quindi prendiamo il positivo e passiamo al prossimo“.

Joan contro Maverick e Commissari

Non vuole essere bollato come vincitore morale, “perché Oliveira ha preso i punti, e la gloria, ma abbiamo lasciato un segno. La vittoria verrà, ma non mi sento il vincitore morale. Penso di aver fatto un ottimo lavoro e la squadra ha fatto un ottimo lavoro. Meritavamo di vincere, ma Oliveira ha vinto“. C’è una certa amarezza per un podio sottrattogli ingiustamente a causa del mancato penalty ad Espargarò. “Non sto accusando Pol, ma la Race Direction. Bisogna chiarire, avere una regola e rispettarla, perché in caso contrario si tratta di uno scherzo. Perché invece di entrare nel parco chiuso Pol andava verso i box“.

L’incidente di Maverick Vinales ha un po’ spezzato il sogno di Joan Mir verso la sua prima vittoria in MotoGP. Non si lamenta della bandiera rossa, ma del fatto che il pilota Yamaha abbia proseguito la gara dopo i primi segnali di guasto ai freni. “Le Yamaha hanno avuto problemi in tutto il week-end ed escono con le pastiglie piccole per fare la gara. Ho sentito che Maverick ha avuto problemi dal quarto giro, cosa che reputo molto irresponsabile da parte sua, perché mette in pericolo anche gli altri piloti. I Commissari dovrebbero approfondire perché ha causato una bandiera rossa. Normalmente quando c’è una bandiera rossa indagano sul motivo. Ne parleremo in Safety Commission“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, GP 2020 Portimao

MotoGP, satelliti all’attacco: i team factory iniziano a tremare

MotoGP, Matteo Flamigni telemetrista di Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e Matteo Flamigni: “Insieme da 17 anni”

ramirez moto2 jerez

Moto2 Jerez: Marcos Ramírez chiude i test al top, esordio per Vietti e Arbolino