joan mir motogp

MotoGP, Joan Mir: “Molto strano non guidare una moto per mesi”

Joan Mir racconta il post lockdown. "All'inizio mi sembrava di guidare una moto per la prima volta!" Il maiorchino pronto per una stagione da protagonista.

6 giugno 2020 - 18:15

I circuiti riaprono, i piloti tornano ad allenarsi, con maggiore attenzione alle nuove regole. Anche per Joan Mir è stata una pausa forzata piuttosto insolita, ma ora sta girando in Andorra a pieno ritmo. L’alfiere Suzuki vuole arrivare pronto al via di quella che sarà la sua seconda annata in MotoGP, ancor più galvanizzato dal rinnovo per il biennio 2021-2022 e determinato a migliorare sensibilmente il 12° posto iridato del 2019.

Com’è andato il ritorno in pista? “È stato come guidare una moto per la prima volta!” ha ammesso Joan Mir in un’intervista realizzata dal suo team. “Non sono abituato a non guidare una moto per tre mesi, è stato molto strano. Tornare a guidare una moto da trial però è stato molto divertente. Sono questi i momenti in cui ti rendi conto di quanto ami questo sport. Anche se devo ammettere che ero davvero nervoso!”

La preparazione in questa pausa forzata però è stata utile. “Non mi sono sentito stanco” ha detto. “Credo di essermi allenato bene in palestra in questo periodo.” Per quanto riguarda il feeling, “Non è stato difficile. Appena sceso in pista è stato strano, ma dopo un paio di giri era come se non fossi mai stato fermo. Certo, all’inizio ho avvertito un po’ di dolore alle braccia, ma direi che è normale: ora sta andando sempre meglio.”

“Qui in Andorra ci possiamo allenare sul circuito Pas de la Casa, ma con la moto da trial. Sarebbe bello poter svolgere anche qualche allenamento in Motocross in Francia o in Spagna…” Non è mancato anche un piccolo incidente, senza conseguenze. “Sono caduto con la Supermoto. Ma non per un errore, è successo solo perché la stavo facendo scivolare. Ho però superato il limite e sono finito a terra” ha ammesso ridendo.

Come detto inizialmente, il pilota Suzuki sta dando il massimo in vista della ripartenza, che sembra sempre più vicina (anche se ancora non ufficiale). “Ho avuto anche troppo tempo! Mi sento davvero in forma e sono pronto a cominciare questa stagione MotoGP 2020.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

honda motogp 2020

MotoGP, la tecnica: un’occhiata alla Honda RC213V 2020

motogp

MotoGP, giornata di test prima del GP di Spagna. Gli orari del 15 luglio

MotoGP, Razlan Razali

Razali gioca con Valentino Rossi: “Domani l’annuncio che aspettavate”