Joan Mir campione MotoGP 2020

MotoGP, Joan Mir: “Ho visto Marc Marquez, per lui è un brutto momento”

Il neo campione MotoGP Joan Mir ha incrociato Marc Marquez a Lleida: "Si è congratulato con me, sta attraversando un brutto momento".

22 dicembre 2020 - 16:31

Joan Mir ha ricevuto il premio “Protagonista della Moto 2020” e risposto alle domande dei giornalisti collegati a distanza. Il neo campione MotoGP si sta allenando con la moto da cross senza sosta, intenzionato a difendere il titolo nel 2021. “Ammiro le persone che vanno veloci nel motocross, perché è uno sport davvero difficile e complicato. Quello che mi piace è che la pista cambia ad ogni giro, devi risvegliare il tuo spirito di improvvisazione“.

Allenamenti con Tito Rabat

La sua Suzuki si è rivelata una moto abbastanza stabile e costante, peretta nei cambi di direzione e in percorrenza di curva. Peccato che il suo primo titolo in MotoGP sia arrivato senza il calore del pubblico. “Era triste non poter condividere la vittoria con la gente” ha dichiarato a AS.com. “Andare a Jerez senza nessuno, sembrava un test di novembre… è qualcosa che non per è niente piacevole. Per i piloti il ​​paddock senza persone non è stato affatto male, va detto, ma il calore delle persone è mancato tanto“. Joan Mir sta trascorrendo l’inverno nella sua Andorra, dove si allena tutti i giorni con Tito Rabat, che in questi giorni ha ufficializzato in passaggio in Superbike. “Credo che farà molto bene. Il ragazzo merita una chance importante“.

Il ritorno di Marquez

Il prossimo obiettivo non sarà solo difendere il titolo MotoGP, ma riuscire a battere Marc Marquez. Ammesso che il fuoriclasse di Cervera sia ai nastri di partenza dopo la terza operazione all’omero destro. “L’altro giorno sono andato ad allenarmi a Lleida. Ho trovato Marc che accompagnava Alex ad un allenamento di motocross, l’ho visto e si è congratulato. È chiaro che sta passando un brutto momento, è un momento molto difficile per lui. È una situazione che a nessuno piace vedere, nemmeno a un suo rivale… Spero di vedermi lì con Marc. Quest’anno abbiamo vinto, abbiamo dimostrato una certa superiorità nella regolarità. Negli ultimi anni il più regolare è stato Marc. Dobbiamo migliorare molto – conclude Joan Mir -, ma siamo vicini“.

1 commento

fzanellat_12215005
19:47, 22 dicembre 2020

Mir,Oliveira e Morbidelli sono le belle sorprese di questa annata. Sono stati bravi a sovvertire il pronostico che
li vedere inferiori ai compagni di team( tranne Miguel
che è di gran lunga superiore a Lecuona).
Si confermeranno? Ancora presto per dirlo,ma hanno
sicuramente più fiducia del 2019.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

Test MotoGP, Valentino Rossi cambia programma. ‘Dovi’ più aggressivo

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Da Dovizioso aspettiamo info su Ducati”

iker lecuona motogp

MotoGP, Iker Lecuona: “Devo mantenere lo stesso spirito di sempre”