MotoGP, Joan Mir champion 2020

MotoGP, Joan Mir: “Ho soffiato il podio n°200 a Valentino Rossi”

Il neo campione MotoGP ritorna sul sorpasso a Valentino Rossi nel GP di Misano 2020: "Gli ho soffiato il 200° podio e la tripletta VR46".

25 novembre 2020 - 15:56

Si prende la meritata scena post Mondiale Joan Mir, il neo campione MotoGP è richiesto dai suoi sponsor all’indomani di Portimao. Stamane ha partecipato ad un evento per Estrella Galicia dove ha risposto alle domande dei media. E sottolineato ancora una volta la soddisfazione nel sorpassare Valentino Rossi all’ultima curva. In una stagione atipica ha saputo sfruttare l’occasione e salire sul tetto della Top Class, più per merito della costanza che per numero di vittorie (una!). Per il 2021 vuole mettersi in gioco e attende il ritorno di Marc Marquez: “Avremo Marc, sarà bello. Sono impaziente, sarò motivato e vedremo come funziona“. Ma durante l’inverno bisognerà perfezionare l’elettronica e il telaio, al fine di compiere un ulteriore step nelle qualifiche. Inoltre bisognerà vincere più gare per avere la meglio sul fuoriclasse della Honda.

Finale con beffa a Portimao

La stagione MotoGP 2020 non era iniziata sotto una buona stella, con due ritiri nei primi tre Gran Premi. Il podio in Austria/1 e la mancata vittoria per bandiera rossa in Austria/2 hanno dato fiducia al maiorchino della Suzuki. L’obiettivo dichiarato era la top-5, poi la sequenza di podi e le mancanze altrui hanno alimentato il fuoco iridato. Dal 2012 ad oggi il titolo mondiale è saldamente in mani spagnole. “Non temo che vincano solo gli spagnoli. Dovrebbe preoccupare l’organizzazione. Non toglie nulla al suo fascino. La realtà è che in Spagna stanno emergendo i migliori piloti“. Nell’ultimo GP di Portimao Joan ha però dovuto fare i conti con qualche problema tecnico che deve lasciare riflettere. “Sabato abbiamo avuto problemi con la moto. Ci ha fatto perdere tutto il giorno. Domenica sono andato a chiedere scusa a Pecco Bagnaia perché di solito critico queste manovre. Non mi ha tolto l’amaro in bocca“.

Avversari e numero di livrea

Tra i ricordi migliori di questa stagione MotoGP c’è sicuramente il sorpasso ai danni di Valentino Rossi a Misano/1. “Gli ho soffiato il podio 200 e la tripletta della VR46 Academy. Sarebbe stata una giornata molto bella per Valentino, ma lo è stata ugualmente perché anche il 4° posto è un buon risultato. Inoltre, raggiungere i 200 podi è uno scherzo. Devo iniziare ad aggiungere più podi perché sono ancora giovane“. A dargli qualche preoccupazione ci hanno pensato “Quartararo, poi Dovizioso, Rins e Morbidelli. Ma soprattutto il Covid, perché sono 25 punti ogni settimana“. Joan Mir non ha ancora deciso che numero stampare sulla livrea della sua GSX-RR. “Suzuki vorrebbe l’1. È un privilegio poterlo portare. Il 36 mi ha dato questi due titoli. Dipenderà dalla mia decisione, è un bel problema“. Quel che conta è che avrà la pressione del campione in carica. “La pressione non mi dà fastidio. Essere un campione ti dà pressione e aiuta. Sulla carta può andare bene“.

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo a Dubai

Jorge Lorenzo a Dubai per relax ed eventi pubblicitari

Superbike, Scott Redding

Scott Redding: “Non ho mai avuto una MotoGP vincente”

MotoGP, Razlan Razali

MotoGP, Razali: “Test Qatar sarà sufficiente per Petronas SRT”