mir motogp

MotoGP: Joan Mir abbonato al podio. “Ci è mancato poco per prendere Fabio…”

Joan Mir sempre più protagonista: 3° podio consecutivo, il 4° in 5 gare. E con la prima vittoria non troppo lontana... Ma non parlategli di mondiale: "Mancano molte gare."

28 settembre 2020 - 11:40

Terzo podio consecutivo, il 4° in cinque gare. Joan Mir continua ad essere protagonista in questa stagione MotoGP, soprattutto grazie ad importanti rimonte nella seconda parte di gara. È stata anche una giornata storica per Suzuki, che con il maiorchino ed Alex Rins ha rimesso ben due piloti insieme sul podio, qualcosa che non succedeva da Misano 2007 (Vermeulen-Hopkins). E su Mir sembrano riposte le speranze di gloria della casa di Hamamatsu: è in crescita costante e dopo questa tripletta è 2° a -8 da vincitore domenicale e nuovo leader Quartararo. Che ha tremato alla rimonta dello spagnolo, ammettendo che “Con un giro in più mi avrebbe superato!”

Ma Mir non si fa grandi pensieri: come detto già giovedì in conferenza stampa, prima deve conquistare almeno una vittoria. Un risultato che poteva anche arrivare a Barcellona, tutto però complicato da una partenza non proprio nelle prime file e qualche intoppo in gara. “Sapevamo che il nostro punto forte non era la Q2” ha ammesso l’alfiere Suzuki, che scattava dall’ottava casella in griglia. “Dovevo cercare di risalire senza venire coinvolto in qualche episodio sfortunato. Il gruppo di testa all’inizio era davvero veloce, mentre io ho cominciato ad avere un buon ritmo nella seconda parte di gara: ho iniziato a recuperare e intanto notavo che parecchi avevano problemi al posteriore. Certo anche noi, ma meno di altri, e ci è mancato poco per prendere Fabio. Ma lui è riuscito a fare meglio.”

Qualche problema anche per il fatto di essere rimasto a lungo dietro a Miller. “È un pilota difficile da superare, soprattutto nelle fasi iniziali di gara. Ho perso qualche secondo dietro di lui e forse questo mi è costato la vittoria. Ma lui era più veloce inizialmente, prima di accusare problemi alle gomme. Io invece all’inizio le avevo conservate.” Come detto c’è grande soddisfazione per un altro podio, anzi doppio per la squadra. “Sono davvero felice sia per Alex che per Suzuki” ha sottolineato Joan Mir. “È stata un’occasione speciale dopo tanto tempo.” A livello mondiale è sempre lì, ma non vuole sentir parlare di un possibile duello mondiale tra lui e Quartararo. “Troppo presto per dirlo. Ci sono tanti piloti veloci e mancano ancora molte gare da disputare.”

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Bradley Smith

MotoGP, Bradley Smith e le ultime lamentele su Aprilia

alex marquez motogp

Spy MotoGP: Un nuovo telaio per i piloti Honda ad Aragón

savadori motogp

MotoGP: Lorenzo Savadori, Aprilia gli ‘regala’ Valencia e Portimao