joan mir motogp

MotoGP, Joan Mir: “A Le Mans gara di sopravvivenza negli ultimi anni”

Per Joan Mir servirà la rimonta dal 14° posto. Ma punta in alto. "In gara può succedere di tutto. Conosco il mio potenziale."

16 maggio 2021 - 8:00

Le difficili condizioni incontrate nel corso di queste due giornate a Le Mans ha messo in difficoltà tutti i piloti, chi più chi meno. Il campione MotoGP in carica Joan Mir in particolare si ritroverà a scattare dalla 14^ casella in griglia di partenza. Ma vuole guardare solo gli aspetti positivi e si dichiara ottimista in vista del Gran Premio, nonostante sia un circuito complesso sia per lui che per la sua Suzuki. Sarà importante quindi evitare di commettere errori e cercare di dare il massimo, ricordando che è già messo molto meglio rispetto all’inizio di stagione 2020 (soprattutto considerando i due ritiri nelle prime quattro gare).

Ma non è stato nemmeno particolarmente fortunato in Q1. “Mi sentivo bene, ero rapido su pista bagnata, ma si è asciugata presto. Io avevo le gomme morbide e credo di aver sbagliato a spingere troppo all’inizio. Le gomme infatti si sono surriscaldate e non sono riuscito a sfruttarle negli ultimi giri.” Nessuna preferenza per le condizioni in gara. “Mi sento bene sul bagnato, possiamo fare una bella gara. Ma credo sia possibile anche sull’asciutto.” Sottolineando che “In gara potrebbe succedere di tutto. Metterei la firma per chiudere in top 5.” Anzi, anche più in alto. “Un podio qui sarebbe davvero speciale. Sono ottimista, conosco il mio potenziale.”

Ma ricorda anche che per lui non è un circuito semplice. “A Le Mans è stata sempre una gara di sopravvivenza negli ultimi anni.” Anche per quest’anno non si aspetta niente di diverso, ma deve rimanere concentrato. “Non dobbiamo commettere errori, serve dare il massimo e puntare a quanti più punti possibili.” Non manca infine un commento anche su Marc Márquez, che oggi ha rischiato la pole. “Sembra che le Honda stiano andando tutte meglio, quindi anche lui. Ma sull’asciutto probabilmente farà fatica. Io comunque continuo a considerarlo in lotta per il campionato a fine stagione. Sappiamo cosa sta facendo e non sta andando male.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

sasaki moto3

Moto3: Ayumu Sasaki ancora unfit, salta anche la tappa ad Assen

salac prustelgp moto3

Moto3: Filip Salac e PrüstelGP di nuovo insieme dal GP di Stiria

Moto3: Snipers Team, addio a Salac. Ad Assen arriva Alberto Surra