MotoGP, Jerez: Alex Rins “Ci sarà grande battaglia”

Gara di casa per entrambi i piloti del team Suzuki. Alex Rins è pronto per una nuova battaglia al vertice, Joan Mir vuole dimenticare l'errore di Austin.

1 maggio 2019 - 19:24

Con l’eco del successo ad Austin, il Team Suzuki Ecstar si appresta a vivere il primo Gran Premio europeo della stagione. Si tratta di una tappa di casa per entrambi i suoi piloti, con Alex Rins ed il rookie Joan Mir determinati a fare bene davanti al proprio pubblico e nella gara numero 300 dall’introduzione della categoria MotoGP. Rins vanta podi solo in Moto3 ed in Moto2 finora a Jerez, un solo podio per Mir nella sua ultima stagione nella categoria minore.

“Questo può essere un tracciato molto positivo per noi” ha dichiarato Alex Rins. “Ha un layout impegnativo e alcune frenate violente che richiedono il set up perfetto. Dovremo anche valutare il nuovo asfalto. Sono molto contento di andare a Jerez e di cominciare il tour europeo, con circuiti molto diversi rispetto a quelli trovati finora. In Qatar, Argentina e Texas ci sono piste uniche nel loro genere e devono essere affrontate come tali. Ora però dovremo essere costanti e mantenere il nostro ritmo. Con un circuito così stretto ci sarà grande battaglia. Sono contento di correre davanti al pubblico di casa.”

“Non vedo l’ora di correre di nuovo e di preparare una bella gara per Jerez” ha aggiunto Joan Mir. Il rookie spagnolo vuole lasciarsi alle spalle la partenza anticipata che ha complicato la sua gara ad Austin. “Un piccolo errore è stato punito con una grande penalità, un peccato perché avevo un buon ritmo. Sono però sicuro di poter compiere progressi importanti nel corso delle prossime gare, abbiamo un gran livello e un ottimo feeling sia con la moto che con la squadra. Sarà bello tornare in Spagna, davanti ai fan.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco: “Dopo l’addio di Lorenzo il vento è cambiato”

MotoGP, Fabio Quartararo e Maverick Vinales

MotoGP, Yamaha mea culpa: “Sull’elettronica abbiamo sbagliato”

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio