MotoGP, Jerez: Prove 1, Márquez e Lorenzo al comando

Repsol Honda al comando in questa prima sessione di prove libere. Marc Márquez chiude in testa davanti a Jorge Lorenzo, Yamaha e Aprilia col nuovo spoiler.

3 maggio 2019 - 10:50

Tempi già più bassi rispetto ai precedenti record, una coppia Honda al comando della classifica. Si chiude così la prima sessione di prove libere, con Marc Márquez al comando con un 1:37.921, e Jorge Lorenzo secondo a poco più di un decimo. Maverick Viñales si inserisce in terza piazza davanti alla Honda di Takaaki Nakagami, Andrea Dovizioso 5° e miglior Ducati. Alle 14.05 la seconda sessione di prove libere.

Da segnalare due wild card questo fine settimana: sono in pista il tester HRC Stefan Bradl (prima presenza stagionale) ed il collaudatore Aprilia Bradley Smith (seconda partecipazione dopo il Qatar). Márquez, inizialmente l’unico con una mescola hard al posteriore, si porta presto al comando della classifica con un crono già inferiore al record (1:38.735) appartenente a Lorenzo dal 2015. Dietro si piazzano provvisoriamente il compagno di squadra, Dovizioso, Petrucci e Miller. In casa Yamaha e Aprilia intanto ecco il nuovo spoiler, all’esordio fin da questa prima sessione di libere.

Come anticipato i giorni scorsi, la novità maggiore è l’asfalto, rifatto per il 55%, una maggiore incognita con conseguente maggior numero di gomme a disposizione dei piloti per affrontare il fine settimana. Assistiamo comunque ad una prima sessione di libere particolarmente intensa, chiusa con parecchi cambi soprattutto sul finale. Il miglior crono sarà quello registrato da Marc Márquez, seguito da Jorge Lorenzo, Maverick Viñales e Takaaki Nakagami, mentre Johann Zarco chiude 12° e con una caduta alla bandiera a scacchi.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi e Jorge Lorenzo

Valentino Rossi e Jorge Lorenzo: convivenza d’oro ma sempre difficile

lorenzo pedrosa

Pedrosa e Lorenzo: i numeri di due leggende con una storia incrociata

Andrea Migno al Ranch di Tavullia

Andrea Migno: “Che fatica dopo il Mugello, ora ripartiamo da Valencia”