MotoGP, Jerez: Márquez per la rivincita, Dovi e Rossi per contrastarlo

La MotoGP riparte a Jerez. Márquez, Dovizioso, Rossi e Rins i più attesi, chi può vincere in Moto2 e Moto3? Non mancherà un evento per Pedrosa. Ecco cosa ci aspetta.

29 aprile 2019 - 17:28

Questo fine settimana si apre a Jerez il lungo periodo che il Campionato del Mondo MotoGP trascorrerà in Europa. Dopo tre appuntamenti particolarmente emozionanti in Qatar, Argentina e Texas, ci si sposta sul suolo spagnolo. In questa occasione avremo anche un evento particolare: nella giornata di venerdì la curva 6 (la Dry Sac) verrà rinominata curva Dani Pedrosa, in omaggio al pilota catalano che ha ottenuto bei risultati su questa pista. Proprio in quella zona verrà svelato un monumento in suo onore. Vediamo poi cosa ci si aspetta nelle categorie MotoGP, Moto2 e Moto3.

IL TRACCIATO

Il Circuito de Jerez-Angel Nieto è un autodromo situato vicino a Cadice, in Andalusia. Inaugurato nel 1985, due anni dopo ospita il primo Gran Premio motociclistico di Spagna, diventando poi la sede fissa per questo appuntamento dal 1989. All’inizio degli anni ’90 sono stati svolti i primi lavori, portando il circuito alla lunghezza attuale di 4423 metri (con 13 curve, 5 a sinistra e 8 a destra), mentre nel nuovo millennio ci sono stati interventi sulle vie di fuga. Quest’inverno poi la superficie è stata nuovamente asfaltata, fatto che rappresenta un’ulteriore incognita per questa edizione del Gran Premio. Nel corso del 2018 il tracciato è stato intitolato ad Angel Nieto, pilota scomparso l’anno prima in un incidente stradale.

ALBO D’ORO

Il maggior numero di vittorie su questa pista in MotoGP appartiene a Valentino Rossi, con sei successi (7 se consideriamo anche quello del 2001 in 500cc). Per tre volte Jorge Lorenzo è salito sul primo gradino del podio, risultato condiviso con l’ormai ritirato Dani Pedrosa, mentre il campione in carica Marc Márquez vanta due vittorie, l’ultima proprio l’anno scorso. Nove le edizioni disputate dalla categoria Moto2, con altrettanti vincitori: partiamo nel 2010 con Toni Elías, seguito da Andrea Iannone, Pol Espargaró, Tito Rabat, Mika Kallio, Jonas Folger, Sam Lowes, Alex Márquez e Lorenzo Baldassarri. Sette i GP disputati a Jerez dalla Moto3 e Romano Fenati è stato l’unico ad aver trionfato due volte finora. Assieme a lui hanno vinto anche Maverick Viñales, Danny Kent, Brad Binder, Aron Canet e Philipp Öttl.

MOTOGP

Il Gran Premio delle Americhe è stato quello che più ha stravolto la classifica iridata, che arriva a Jerez con due piloti italiani al comando. Andrea Dovizioso è l’attuale leader iridato, seguito da Valentino Rossi, mentre Alex Rins, forte del successo in Texas, è terzo poco lontano. Scivolato addirittura in quarta piazza Marc Márquez, che però arriva in Spagna più determinato che mai a riguadagnare il terreno perduto con la caduta ad Austin. Chiaro mantenere gli occhi puntati soprattutto su di loro, ma non saranno gli unici piloti che possono essere protagonisti in questo Gran Premio. Attenzione infatti anche a Maverick Viñales ed a Jorge Lorenzo, chiaramente attesi dal pubblico di casa, ma non dimentichiamo anche Jack Miller, a podio ad Austin e pronto a ripetersi. Truppa Honda arricchita di un pilota in più: Stefan Bradl sarà infatti in azione per HRC per la sua prima wild card stagionale.

MOTO2

Nella categoria intermedia Lorenzo Baldassarri è ancora il leader iridato, ma sicuramente bisogna voltare pagina dopo la tappa ad Austin. La scia di vittorie si è interrotta dopo appena due gare per uno sfortunato incidente che l’ha costretto al ritiro in Texas. Ne ha beneficiato il duo Dynavolt Intact GP: Marcel Schrötter e Thomas Lüthi infatti si stanno mostrando costantemente competitivi, due ostici rivali che l’italiano dovrà tenere particolarmente d’occhio. Alex Márquez è sicuramente il primo degli spagnoli determinato a fare bene davanti al pubblico di casa, senza dimenticare Xavi Vierge, Jorge Navarro o il rookie Jorge Martín. Rientrano alcuni piloti reduci da infortuni o interventi: parliamo di Nicolò Bulega, Stefano Manzi, Steven Odendaal (che inizia a Jerez la sua stagione) e Augusto Fernández. Fuori gioco invece Jake Dixon, con Mattia Pasini che in questa occasione guiderà la sua KTM.

MOTO3

Nella categoria minore la Spagna può esultare, visto che al comando della classifica iridata ci sono ben due suoi beniamini. Jaume Masiá e Aron Canet sono ex aequo in testa, con una vittoria ed un podio a testa finora. Come anticipato precedentemente, Romano Fenati è l’unico ad aver vinto per ben due volte su questa pista ed è logico aspettarselo tra i protagonisti, pronto alla rivincita dopo due GP difficili. Andrea Migno poi è reduce da un gran podio in Texas e cercherà di mantenere la competitività mostrata in quell’occasione. Attenzione anche a Lorenzo Dalla Porta e Niccolò Antonelli (poleman ad Austin), rispettivamente terzo e quarto in classifica iridata. Tra i rookie, è lotta aperta tra Celestino Vietti e l’idolo di casa Raúl Fernández, con l’italiano davanti per un solo punto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marc Marquez

MotoGP, Honda: Marquez guida l’evoluzione, Lorenzo “sui dettagli”

johann zarco

UFFICIALE Johann Zarco con LCR Honda fino a fine stagione

andrea dovizioso 2019

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Obiettivo principale il 2° posto mondiale”